dins di dins
Habilis 576 punti

Un conflitto annunciato

L’obbiettivo di mantenere la pace venne perseguito dalle varie potenze alla luce dei propri interessi politici, territoriali ed economici; la Francia mirava al disarmo, sicurezza collettiva, pagamento dei debiti dei paesi sconfitti(Germania). Le zone nevralgiche per la conservazione della pace in Europa, erano l’area centro-orientale e quella danubiano-balcanica, dove i trattati avevano imposto radicali cambiamenti. Un nodo da sciogliere riguardava la ripresa economica e la stabilità e durata del sistema dell’economia di mercato. Nel ’23 il cancelliere tedesco Strasemann, annunciò la fine della ‘resistenza passiva’, all’occupazione francese della Ruhr, mostrandosi disponibile a ricontrattare il pagamento dei debiti e allentando la tensione europea. Nel ’24 gli Stati uniti attuarono il loro isolamento d’accordo con Gran Bretagna, Francia, Germania,(piano Dawes). Nel ’25 il trattato di Locarno confermò l’intangibilità delle frontiere tra Germania, Francia e Belgio e la smilitarizzazione della Renania(garanti furono l’Italia e Gran Bretagna). Una svolta negativa si ebbe nel ’29-’30 la crisi economica evidenziò un sistema finanziario interdipendente, che favorì la diffusione mondiale, non coesistendo con il protezionismo commerciale, impedendo la circolazione delle merci. La conferenza sul disarmo di Ginevra nel ’32 registrò l’apertura di un conflitto tra le potenze vincitrici, sulle tematiche revisionistiche.(nel ’33 la Germania si ritira dalla conferenza e abbandona la Società delle Nazioni). L’avvicinamento alla guerra fu segnato dall’aggressione giapponese alla Cina in Manciuria, e dall’aggressione dell’Italia all’Etiopia, che decretò l’alleanza tra Italia e Germania(asse Roma-Berlino nel ’36 per la preminenza degli interessi tedeschi a Est, di quelli nel Mediterraneo per l’Italia). la causa decisiva per il conflitto fu la determinazione di Hitler a rompere con la forza gli equilibri europei,uscita dalla Società delle Nazioni, la Germania nazista infranse le clausole dei trattati di pace, nel ’36 vi fu l’ingresso delle truppe tedesche nella Renania smilitarizzata. Le potenze occidentali consideravano l’Urss come una minaccia; la politica dell’ appeasement sottovalutò la vocazione bellicistica, la natura del nazionalsocialismo,che unita al pregiudizio sovietico, impedì la possibilità di contrastarlo con efficacia.

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email