Ominide 2993 punti

Pensiero malinconico

Hayez in questo dipinto rappresenta una fanciulla dal volto malinconico. I suoi occhi sono grandi e scuri, e a farle da sfondo c’è una parete color miele. Poggia il braccio destro su un risalto murario, la mano sinistra è poggiata su quella destra, il busto invece è leggermente ruotato dalla parte opposta. Ha i capelli sciolti, che le scendono lungo le spalle. Al collo porta un cordoncino a cui è appena un crocifisso che le è rimasto impigliato tra le pieghe del vestito azzurro come il mantello della madonna. La biacca dà luce alla rappresentazione dell’immagine.
Ha un aspetto sicuramente trasandato, e ciò conferisce a farla sembrare triste e depressa.
La malinconia viene espressa anche dai fiori, in parte appassiti, rappresentati dall’artista a sinistra, stanno a simboleggiare la morte, la fine della serenità e della gioia

Alessandro Manzoni

Giuseppe Molteni realizza un Manzoni dall’atteggiamento ispirato mentre tiene nella mano destra il suo romanzo storico.
Hayez lo rappresenta invece in un atteggiamento familiare , secondo la richiesta della sua seconda moglie, che voleva che del marito venisse tramandato l’aspetto quotidiano non quello del letterato: per questo motivo il poeta non tiene nelle mani un libro ma una tabacchiera. Manzoni ha un’aria quasi assente, ed è seduto rivolto verso sinistra. La testa è leggermente reclinata in avanti. La labbra sono chiuse il naso è regolare. Il fondo monocromo circonda il personaggio collocandolo quali in una dimensione senza tempo.

Hai bisogno di aiuto in Dal Rinascimento al Romanticismo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email