Il Neoclassicismo


Il Neoclassicismo è un movimento culturale sviluppatosi in America ed Europa tra la seconda metà del XVIII e l'inizio del XIX.
Questo movimento investe tutti i campi: la pittura,la scultura,la architettura, la moda,la letteratura, il teatro, la musica...e si caratterizza per un notevole interesse per l'arte antica (Greco-Romana).
Come l'illuminismo voleva illuminare all'oscurità del medioevo, così il neoclassicismo vuole esaltare e rimediare al buio del barocco.
Grazie agli scavi svolti a Pompei ed Ercolano, per nome del re Carlo di Borbone nel 1740, viene rinnovato l'interesse per l'antichità. La storia narra di un contadino che, scavando un pozzo, trova la stanza di un teatro antico e dunque i resti di una città al di sotto delle ceneri; Carlo decide di far calare dei minatori per recuperare gli oggetti di valore e riportando così in vita i valori dell'arte antica.

NB: Classicità: insieme dei valori universali (ragione) in riferimento all'arte Greca e Romana; Classicismo: ripresa dei valori, senza la possibilità di commisurarli nel tempo.

L'archeologo/storico tedesco, Johann Joachim Winckelmann, ha scritto due importanti opere di cui accenno alcune parti:

1) Pensieri sull'imitazione dell'arte Greca: L'arte ripresa dai contemporanei è solo un'imitazione dell'arte Greca, non è una copia in quanto vengono apprese delle caratteristiche principali del tempo e adattate al presente, con il pensiero del: "se prendo spunto da un modello di un grande ho la possibilità di diventare più grande di lui"
Tratto dall'opera "Per noi l'unica via per divenire grandi e, se possibile, inimitabili, è l'imitazione degli antichi, particolarmente dei greci".

2) Storia dell'arte nell'antichità: Scrive Winckelmann "L'essenza dell'arte greca consiste in una nobile semplicità e quiete grandezza".
Nobile semplicità, vale a dire togliere i dettagli inutili rappresentando esclusivamente l'essenziale;

Quieta grandezza, la passione avvicina l'uomo agli animali essendo essa un istinto, l'arte in Grecia aveva valore educativo, pertanto nell'arte l'atto violento o passionale viene mostrato un attimo prima o un attimo dopo, per suggerire senza mostrare, educando al dominio di se.

Hai bisogno di aiuto in Dal Rinascimento al Romanticismo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email