aliat99 di aliat99
Ominide 318 punti

"Il giuramento degli Orazi" di Jacques-Louis David

"Il giuramento degli Orazi fu una delle opere più importanti dell'artista. David lo realizzò sotto la richiesta del re di Francia, Napoleone, e l'anno seguente, nel 1785, venne presentato nel Salon, a Parigi. David mise in scena una delle storie di Roma durante la monarchia di Tullio Ostilio, quando i tre fratelli Orazi romani affrontarono i tre fratelli Curiazi, albani, per risolvere una contesa nata fra i romani e gli albani. Durante il duello i tre fratelli Curiazi morirono ed uno solo dei fratelli Orazi si salvò. L'artista rappresentò il momento prima del duello, quando i tre Orazi giurarono al loro padre di combattere fino alla fine per Roma. Quindi i tre Orazi, nel dipinto, stavano a significare le virtù civiche romane. David rappresentò la scena nell'atrio di una casa romana però con colonne greche (colonne doriche). I due pilastri e le due colonne reggevano tre archi a tutto sesto. La luce era un elemento molto importante che illuminava la scena principale nell'atrio. La luce che venne rappresentata era una luce solare, reale (non aveva più un significato divino come lo era qualche anno fa). Il vecchio padre posto al centro del quadro, ergeva nel mezzo attirando tutta l'attenzione dell'osservatore con il suo manto rosso. Il padre era la chiave della rappresentazione in quanto nella sua mano, che teneva le spade, si trovava il punto di fuga. A destra del dipinto vi erano le donne addolorate

per la partenza dei tre Orazi. La madre, affranta, copre con il suo velo scuro i figli più piccoli. Poi vi era la figlia Camilla, con le mani in grebo, che si svolgeva verso la cognata Sabina ( la moglie del fratello maggiore). In base ai principi neoclassici, David non vi presenta la scena culminante, ma dipinge l'attimo prima, dove veniva ,mostrato la supremazia degli Orazi, delle loro virtù, del loro amore per la propria patria.

Hai bisogno di aiuto in Dal Rinascimento al Romanticismo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email