Ominide 644 punti

Vincent Van Gogh


Vincent Van Gogh (1853-1890) arrivò piuttosto tardi alla pittura, comincio negli anni '80 finanziato dal fratello Theo. La prima fase significativa corrisponde con il periodo dei Nuenen dove lavorò fino al 1885. Guardava al mondo degli umili e i suoi modelli erano i pittori sociali come Millet. I mangiatori di Patate del 1885 sono un esempio di opera documentaria che illustra la durezza della vita contadina.
Respinto dall'accademia di Anversa, si trasferì a Parigi fino all' 88. Il soggiorno determinò la conoscenza dell'impressionismo e postimpressionismo. Influenzato dalla pittura di Seurat, Signac e Pisarro dai quali derivo una tavolozza più chiara e una stesura dei colori a rapidi tocchi di pennello. Produsse nuovi soggetti derivati dalla cultura parigina: caffè , ristoranti, vedute . Influenzato da Gauguin (che lo raggiunse ad Asrles nel 1888) con la sintesi formale dei suoi quadri organizzati per ampi campi di colore, e il linearismo giapponese.
Nel periodo di Arles 1888- 1889 aveva raggiunto una propria maturazione fondata sulla forza sintetica del segno e sulla libertà assoluta dell'uso del colore. Realizzo ritratti, “il caffè di notte”, fino a “la camera da letto “. dopo il ricovero all'ospedale di Arles per malati mentali produsse 150 quadri che mostrano la sua evoluzione artistica. La pennellata tende ad un andamento contorto e vertiginoso, mentre il colore aggrumato e inspessito assume una qualità materica che dà luogo alle forme. Una delle opere è Notte Stellata 1889 di New York , l'anno successivo realizza La chiesa di Auvers si può vedere in questo caso che l' arbitrarietà dei colori e le forzature prospettiche anticipano i caratteri tipici dell'espressionismo.
La Berceuse moglie di Joseph Roulin, responsabile delle poste di Arles che Van Gogh ritrasse varie volte bella sua divisa blu. l'artista dipinse 5 versioni del ritratto , un omaggio archetipo femminile rappresentato da madame roulin, colei che culla.
Il ritratto di Madame Roulin che tiene in mano il cordone con cui dondola la culla è un immagine simbolica della moglie e della madre e insieme del potere pacificatore della ninna-nanna. Forse la Berceuse rappresenta il tentativo di dipingere una melodia a colori. “se ho cantato una melodia a colori”saranno i critici a deciderlo.
Sicuramente il quadro risente dell'influenza di Gauguin che in questo periodo si trovava ad Arles, perché Van Gogh dipinge in modo stilizzato la donna accentuando le linee nere dei contorni che delimitano grandi campiture di colore puro che richiama anche la stampa giapponese. il chiaro scuro e le sfumature sono totalmente assenti e la luminosità è ottenuta con l'accostamento di colori complementari. Madame Roulin, seduta con le mani in grembo con gli occhi persi in pensiero malinconico (una posizione che Van Gogh aveva già adottato per il “Ritratto di Pére Tanguy” e “Italiana”.
Hai bisogno di aiuto in Arte moderna e contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
×
Registrati via email