blakman di blakman
VIP 9176 punti

Bertel Thorvaldsen - Giasone con il vello d'oro


Nel 1802-1803 Thorvaldsen, ispirandosi alle proporzioni canonizzate dallo scultore greco Policleto e alle numerose statue derivate dall'Apollo del Belvedere di Leocrate, modello ideale per il nudo maschile, concretizzò la propria poetica nel Giasone con il vello d'oro, opera che gli diede subito notorietà, permettendogli di continuare la sua carriera in Italia. L'artista si cimentò qui nel genere eroico e scelse la nobile forma del nudo. L'eroe greco Giasone, capo della spedizione degli Argonauti, si recò nella Colchide, antica regione sulle sponde del mar Nero, per sconfiggere il drago che custodiva il vello d'oro, la preziosa pelle di montone in cambio della quale avrebbe riavuto il regno del padre, usurpato dallo zio Pelia. L'eroe, raffigurato come vincitore, tiene il vello appeso al braccio sinistro, ma non manifesta alcuna gioia per la conquista; ha un atteggiamento maestoso e pacato, uno sguardo imperturbabile, privo di sentimenti: nessuna tensione muscolare tradisce un moto interiore. Sebbene rappresentato nell'atto di camminare, manca nella sua figura l'idea del movimento e il corpo è bloccato in una linea di contorno chiusa, dal disegno semplice. La scultura, alta quasi due metri e mezzo, di marmo bianchissimo, mette in luce quella bellezza ideale e disincarnata che Winckelmann auspicava.

Hai bisogno di aiuto in Arte moderna e contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove