Habilis 7502 punti

Paul Signac: Le modiste (1885)

Capo fila insieme a Georges Seurat del puntinismo, un francese “pointillisme”, che in Italia evolverà verso il divisionismo, Signac cerca di rendere tramite la pittura la magia degli effetti della luce. I coloro sono diffusi sulla tela senza essere mescolati. Secondo le teorie enunciate dal chimico E. Chevreul nel 1839, i contrasti simultanei, prodotti dal ravvicinamento dei colori complementari esaltano la luminosità di ogni colore e traducono anche le più piccole vibrazioni della luce. Le pennellate precise, rotonde e minuscole si giustappongono sulla tela con un rigore scientifico che si allontana dal lirismo degli impressionisti, adottando un processo che, non essendo né libero, né istintivo, conferisce all’insieme una certa rigidità.

La tela “Le modiste”, dipinta da Signac a soli 22 anni, è un esempio molto significativo della sua arte pittorica per i seguenti motivi:
1) Per la prima volta, la tecnica del “pointillisme” viene applicata ad uno spazio interno, chiuso; infatti Signac ha dipinto, soprattutto, paesaggi marini o in riva ad un fiume.
2) Il gesto del pittore è preciso: il colore è spalmato tramite punti o trattini di lunghezza e direzione variabile. Le forme si disegnano tramite una fusione ottica dei colori.
3) La scena viene riprodotta con un gusto descrittivo. Le disegno della carta da parati, per esempio, e le righe del copritavolo creano una costante variazione di colori.
4) I nastri srotolati sul pavimento, la modista che raccoglie un paio di forbici, il disordine per terra e sul tavolo aggiungono alla scena un leggero effetto dinamico, anche se lÂ’azione risulta sospesa nel tempo.
5) LÂ’arte moderna rinnova i sistemi ereditati dal Rinascimento; infatti, la prospettiva risulta obsoleta ed il quadro tende ad appiattirsi.

Hai bisogno di aiuto in Arte moderna e contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: come si fa il saggio breve? La guida completa