Ominide 651 punti

Il periodo blu (Pablo Picasso)

È durante il secondo soggiorno parigino, ovvero nel 1901, che il pittore sviluppa uno stile personale, caratterizzato dall’uso costante del blu. Il blu viene, sistematicamente utilizzato, in tutte le sue tonalità e in tutte le sue varianti. Così Pablo Picasso rinuncia all’uso della policromia, che letteralmente vuol dire all’utilizzo di più colori nelle sue tele, per esprimere l’angoscia, ma soprattutto la tristezza sconsolata e senza speranza dei personaggi che rappresenta e verso i quali ora rivolge la sua attenzione: ovvero, ciechi, girovaghi, mendicanti, emarginati della società.
Alla rinuncia della policromia si aggiunge anche l’allungarsi delle figure, e la netta linea di contorno. In questo periodo, ci offre un’autentica, attraverso le sue tele, partecipazione al dramma esistenziale dell’uomo.

Di questo periodo si possono ricordare le opere:
• Poveri in riva al mare (1903)
• La vita (1903)

Analisi: Poveri in riva al mare

Come possiamo vedere dal dipinto (Immagine in allegato), la donna, l’uomo e il bambino, sono nettamente marcati da una linea di contorno molto scura, che ha la funzione di mettere in risalto la loro figura monumentale. Sono chiusi in se stessi, e questo o si può vedere dal fatto che: la donna è girata e ha le spalle basse, chiuse, quasi a volere significare un rifiuto, solitudine, dolore; il tutto culmina con le braccia che si stringono attorno al suo petto e con la testa china a guardare verso il basso; per quanto riguarda l’uomo, ha lo stesso atteggiamento della donna; e il bambino, per finire, si appoggia, con le sue piccole manine all’uomo, in cerca di un aiuto, di soccorso. La caratteristica di questi personaggi è la loro incapacità di relazionarsi: ognuno è chiuso nel suo mondo.

La vita

In primo piano possiamo trovare (immagine in allegato) una coppia di amanti malconci. Sulla destra vediamo una donna con un bambino. Si può supporre che l’uomo, in primo piano, sia un’artista, dato che stringe nella sua mano un dipinto, che raffigura un uomo rannicchiato in se stesso, chiuso, spento, forse morto. Il possibile artista indica alla donna qualcosa: due persone che si abbracciano, disperate. È molto probabile che l’uomo voglia far intendere alla donna, ciò che potrebbe accadere in un futuro molto prossimo: disperazione e desolazione. (L’uomo in questo dipinto ricorda molto un amico di Picasso, morto suicida; quindi, è molto probabile che questo dipinto sia un tributo per l’amico scomparso).

Hai bisogno di aiuto in Arte moderna e contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email