Ominide 310 punti

Pablo Picasso nel periodo blu e rosa

Pablo Picasso: Nato a Malaga in Spagna 1881, dal punto di vista creativo, la sua sterminata produzione coinvolge l'intero campo delle arti visive, fu un artista eclettico e, insieme, coerente proprio nel suo passare attraverso forme estremamente diverse di creatività.
Da Malaga la famiglia si trasferì a Barcellona, dove l'artista iniziò ad affermarsi per il suo talento. Nella vivace città catalana, segnata da genio di Antonì Gaudi, la frequentazione di artisti e intellettuali lo portò ad aggiornare la propria formazione.
Ma fu il contatto con Parigi che lo spronò a cercare nuove soluzione artistiche, questo fase segnata dalla morte del suo amico Casegemas fu chiamato periodo blu.
L'artista andò sperimentando una forma d'arte intimamente sentimentale, caratterizzata dalla presenza di figure solitarie e malinconiche, come in “Poveri in riva al mare”Il dipinto raffigura un uomo, una donna e un bambino, in una sorte di versione moderna dalla Sacra Famiglia. La composizione non fa però pensare a uno scambio d'affetti: chiusi nella linea di contorno che ne delimita la figure, i tre personaggi sembrano vivere isolati e indifferenti l'uno all'altro. Queste figure sono rese con una tavolozza di colori freddi, limitata alla gamme dei grigi e dei blu, simbolo di lutto. Le dimensioni della figure occupano quasi interamente lo spazio, i volti marcati conferiscono ai personaggi un senso di dolorosa monumentalità.

Ritrovata una sorta di tranquillità interiore, Picasso elaborò opere contrassegnate da un diverso orientamento cromatico, in genere indicato come periodo rosa, a indicare la progressiva prevalenza d i toni più caldi.
L'artista continua ad avere un occhio di riguardo per gli individui relegati ai margini della società, ma con usando un atmosfera più leggera. Nei “Saltimbanchi”le figure sono rappresentate all'aperto, in un paesaggio che non rimanda alle attività circensi, che invece caratterizzavano le precedenti prove.
L'elegante immobilità che le distingue le allontana dal pathos dei dipinti del periodo blu; i loro volti segnati da una silente introspezione, formano una galleria di ritratti privi di parole: il pensiero li caratterizza.
Il colore mostra una certa preponderanza di rosa e di toni aranciati, che donano al quadro effetti di preziosità. Nella tela si incomincia a notare una più salda definizione degli spazi e una maggiore attenzione alla resa dei volumi, evidenziata dalla maglie che sottolineano i valori plastici.

Hai bisogno di aiuto in Arte moderna e contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email