Impressione, sole nascente (o Impressione al levar del sole)

Da questo dipinto l’impressionismo ha avuto il nome. All’inizio, il piccolo quadro non aveva nome, ma quando era stato esposto nel 1874 nello studio di Nadar, gli avevano chiesto che cosa scrivere sul catalogo e lui risponde “Impressione”. Non è stato fatto alcun disegno preparatorio e il colore è steso direttamente sulla tela con pennellate brevi e veloci. A fatica distinguiamo (intuiamo) la presenza di navi ormeggiate sulla sinistra, perché gli alberi di queste sono riflessi nel mare. A destra troviamo le gru e le strutture del porto. Al centro del dipinto abbiamo due barche a remi che sembrano come ombre. La natura non è dipinta in maniera oggettiva e realistica, ma è “snaturata” volontariamente da Monet per trasmetterci attraverso il dipinto le sensazioni che lui provava osservando l’alba (il sole che nasce) sul porto di Le Havre. Non vuole descrivere la realtà, ma solo trasmettere le impressioni di un attimo soltanto, che saranno diverse rispetto a quelle di un attimo prima e di un attimo dopo. L’accostamento di colori caldi (rosso e arancione) e di colori freddi (verde azzurrognolo) ci danno il senso della nebbia del mattino. E proprio da questa nebbia si fa strada un sole inizialmente pallido e i suoi primi riflessi aranciati sono visibili sul mare, ben scanditi da pochi ed esatti tocchi di pennello dati a spessore, come se il colore stesso avesse un proprio volume nello spazio.

Hai bisogno di aiuto in Arte moderna e contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità