Ominide 438 punti

Edouard Manet

E' considerato il maestro spirituale del movimento impressionista. Pur essendo il maestro non fece mai parte del movimento.
Ha una formazione accademica ed è proveniente da una famiglia ricca. Manifesta fin da giovane una grande passione per l'arte e la famiglia non lo appoggia nella sua scelta.
All'età di 16 anni il padre lo imbarca in un vapore per Rio de Janeiro, per orientarlo alla carriera navale.
Si appassiona della vita stimolante del viaggio e ciò lo induce ancora di più ad esprimere ciò che sente per l'arte.
Non passa l'esame per ufficiale e viene bocciato. Il padre si arrende ma spera in un suo fallimento.
Manet va presso il pittore accademico Coutre Tomas, però non segue i suoi consigli pittorici e lascia il suo atelier.
COmincia a viaggiare in Europa; in Italia studia i grandi pittori del Rinascimento.
Torna a Parigi e prende ispirazione da Dellacroix chiedendogli se potesse copiare la "Banca di Dante".

Conosce Degas (uno dei fautori del movimento impressionista) e gli diventa amico.
Pittura all'esterno e comincia a mettere nelle sue opere uno spirito innovativo, prova a far convivere un impianto a prima vista accademico con regole diverse.
Da una parte della critica viene apprezzato per il suo spirito innovativo mentre da un'altra parte le sue opere venivano rifiutate.
Nonostante avesse poi una paralisi agli arti inferiori continuò a dipingere fino alla morte avvenuta nel 1883.

La colazione sull'erba

Opera che fece scandalo, tanto che venne esposta e le signore che entravano ridevano imbarazzate e scosse.
Venne esposta al Salone dei rifiutati.
La donna nuda non fece più di tanto scandalo ma il fatto che venne rappresentata in quella posizione e con accanto due uomini provocatori si.
I critici lo accusano di volgarità, di aver fatto una cattiva pittura dato l'abbandono di regole classiche e mitologiche.
Prende spunto da elementi rinascimentali, dal "concerto campestre" di Tiziano e da Marcantonio Raimondi.
La scena si svolge in una radura erbosa ai piedi di un boschetto.
Chiude la rappresentazione in un triangolo ideale.
Il cestino è una delle più belle nature morte del periodo.
Veniva criticato anche per la tecnica usata per l'opera, Dellacroix affermava che non sapeva usare ne chiaroscuro ne prospettiva.
I colori sono aspri e secchi da sembrare immaturo.
Differenza tra sfondo soffuso e i personaggi davanti privi di volume.
Per creare profondità crea dei piani, oggetti sempre più piccoli.

Per i chiaroscuri accosta colori di campiture, sovrapposizione di luce.
Giuste contrapposizione di toni caldi e freddi.
Il tutto crea un'atmosfera fresca e luminosa.

Claude Monet

Monet era l'impressionista degli impressionisti, contribuisce a dare il nome al movimento. Era un giovane proveniente da una zia ricca che lo asseconda nei suoi studi. Vive a Parigi e frequenta ambienti importanti per la sua formazione (Caffè Guerbois). Parte per militare ad Algeri e tornato dal viaggio comincia a pitturare alimentato dalle suggestioni ottenute.

Impressione del sole nascente

Quadro che rappresenta Monet. Qui vediamo dipinto il porto Lehavre, facilmente riconoscibile dalle gru e dagl ialberi delle navi. L'impressione che ci rimanda ad un porto che noi percepiamo nonostante la tecnica con pennellate rapide, veloci e fresche. L'impressione che voleva dare è il sole che sorge, il suo riflesso sull'acqua dato da pennellate veloci.
Sole che condiziona tutta l'atmosfera (cielo e acqua). L'acqua è mobile, crea riflessi, riverberi ed è molto importante per gli impressionisti.

Hai bisogno di aiuto in Arte moderna e contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email