Video appunto: Manet, Edouard - La cameriera

La cameriera



Questa tela autografa, realizzata da Manet nel 1879, è esposta Musée d’Orsay di Parigi. Forse si tratta della versione finale di una serie di studi su di un soggetto molto simile. È anche uno dei tanti dipinti che Manet ha dedicato al tema della vita nei cafés-concerts parigini. Anche in questa opera, l’autore non cerca solo di rappresentare uno scorcio di vita vissuta; egli intende mettere in scena un racconto, o almeno un’ipotesi di racconto, attraverso la psicologia dei personaggi.

Innanzitutto, dobbiamo notare che tra i tavoli del bistrot figurano dei personaggi noti o persone che Manet ha conosciuto nella vita di tutti i giorni di cui Manet sa raccontare la storia, con l’ausilio di modelli in grado di recitare la loro parte. Infatti, anche la cameriera dipinta è realmente esistita. Manet le chiede di recarsi nel suo atelier per posare; temendo che si trattasse di una proposta sconveniente, essa si fece accompagnare da un amico. Manet decise, allora, di affidare un ruolo anche all’uomo e, pertanto, inserì nel dipinto in un personaggio maschile, raffigurato di profilo, con una camicia blu mentre sta fumando la pipa. Sullo sfondo si ha la vita di un café-concert, con un taglio tutto fotografico. Infatti, si ha un braccio una parte di gonna di una cantante che si sta esibendo sul palco, la tuba di uomo, la testa di una ragazza che gli sta davanti, tutti particolari che si riferiscono al pubblico presente allo spettacolo. Il locale è caratterizzato da un paravento fiorito e da un’applique di cristallo.

I lineamenti della ragazza, che sta portando dei boccali ripieni di birra, si stagliano su di uno sfondo azzurro, appena sfumato. La sua carnagione chiara crea un sapiente e piacevole contrasto tra il bianco del suo viso e il nero dell’abito, molto elegante.