Ominide 2168 punti

La basilica di San Francesco ad Assisi


L’edificio fu progettato da frate Elia, che, sfruttando la posizione sul fianco della collina, concepì il santuario su due livelli. La costruzione iniziò dalla chiesa inferiore,che, invece di essere una cripta per la tomba del santo, è una chiesa di dimensioni pari a quelle della chiesa superiore, a cui serve da basamento. Rispetto alle tradizionali chiese di pellegrinaggio, questa articolazione agevola l’accesso dei pellegrini alla tomba, perché l’ingresso al livello inferiore è indipendente dalla chiesa superiore. La facciata è ancora legata, per la sua semplicità, al Romanico umbro: in pietra chiara locale, ha il profilo a capanna ed è tripartita orizzontalmente, anche se il rosone mediano e il portale strombato ad arco acuto sono elementi gotici. Il campanile quadrato è ancora romanico. Più spiccati caratteri gotici ha il fianco che domina la vallata sottostante: i contrafforti semicilindrici, gli archi rampanti, le testate del transetto con i grandi finestroni ogivali e le alte arcate del convento che si innesta sulla terrazza. La chiesa superiore ha pianta ad aula unica con abside poligonale e senza cappelle. Le cinque campate a sesto acuto sono divise da pilastri a fascio addossati al muro, simili a quelli delle chiese della Francia nordoccidentale, e ritmate da un ballatoio sopra il quale si aprono le finestre ogivali. Il presbiterio non è quasi per nulla sopraelevato: a livello architettonico questo contribuisce a creare un forte senso di unità spaziale, a livello simbolico suggerisce il messaggio di comunione ed uguaglianza predicato dai francescani. La chiesa inferiore ha una navata unica con abside rotonda; venne ampliata con alcune cappelle private nel XIV secolo, quando anche il nartece, sul cui fianco si trova l’ingresso, fu allargato. Le amplissime volte a crociera a tutto sesto ribassate creano, in contrasto con la chiesa superiore, un’atmosfera raccolta e in penombra, adatta al silenzio della preghiera, ma al tempo stesso garantiscono l’ampiezza della navata per accogliere i fedeli
Hai bisogno di aiuto in Medioevo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email