Genius 13137 punti

Eligabalo (218 –222 d.C.): la fallita orientalizzazione dell’Impero

Ben presto, dopo il 217 d.C., l’Impero ritornò nelle mani della famiglia dei Severi. Macrino, infatti, fu deposto e ucciso dai militari che portarono al trono Marco Aurelio Antonino, detto Eliogabalo: il quattordicenne nipote di Caracalla. Quest'imperatore (218 –222 d.C.) fu una semplice marionetta nelle mani delle potentissime dame della famiglia imperiale, la nonna Giulia Mesa, la madre Giulia Soemia e la zia Giulia Mamea, tutte seguaci di riti orientali. Di fatto, dunque, questo periodo rappresentò una specie di matriarcato, in cui il potere effettivo era esercitato dalla parte femminile della famiglia imperiale.

I costumi di Eliogabalo destarono irritazione e scandalo: egli praticava cerimonie esotiche, si circondava di maghi, trascorreva le sue giornate nell’ozio e il suo comportamento era così anticonformista da suscitare il malcontento dei pretoriani e del Senato. La potente nonna, Giulia Mesa, si rese quindi conto che conveniva eliminare lo screditato Eliogabalo e favorire l’ascesa al trono di un altro nipote, Alessandro Severo.

Così nel 222 d.C. i pretoriani si ribellarono, uccisero Eliogabalo e ne gettarono il cadavere nel Tevere. Venne proclamata la sua damnatio memoriae: una sanzione che accompagnava la condanna per tradimento. Essa comportava che il nome personale del condannato (praenomen) non potesse più essere trasmesso nella discendenza familiare che le sue immagini venissero cancellato dalle iscrizioni.

Hai bisogno di aiuto in Storia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email