Ominide 4454 punti

Il commercio fluviale nella storia dell’uomo

La maggior parte delle antiche civiltà è sorta lungo le sponde di un fiume perché da sempre l’acqua dei fiumi ha avuto grandissima importanza. I fiumi oltre a favorire l’agricoltura svilupparono un tipo di commercio molto redditizio, il cosiddetto: commercio fluviale. Si sviluppo non solo per cause economiche ma soprattutto per fini pratici, rappresentava un trasporto più sicuro rispetto a quello terrestre e la quantità di merci trasportabili era superiore. Esso può svilupparsi lungo i fiumi che abbiano acque navigabili e un percorso non troppo tortuoso o pieno di ostacoli. Lungo un fiume che abbia questo tipo di caratteristiche sorgono degli insediamenti con funzione di scali o di veri e propri porti fluviali, in cui vengono trasportate via terra le merci che devono essere portate verso il mare. In alcuni casi particolarmente favorevoli, la navigazione può avvenire anche dalla foce verso l’interno e così le città fluviali godono anche dell’importazione dal mare di merci. Il commercio fluviale ha grande importanza economica in quanto funge da collegamento fra quello terrestre e quello marittimo; si capisce dunque perché la presenza di un fiume abbia spesso contribuito fortemente alla nascita di civiltà economicamente ben sviluppate e all'avanguardia.

Hai bisogno di aiuto in Storia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email