vally32 di vally32
Habilis 2556 punti

Cambiamenti Durante il principato di Ottaviano

Ottaviano Augusto si rende conto dei problemi dello Stato Romano che era troppo grande e cerca di ridistribuire lo Stato creando un apparato burocratico.
Per prima cosa, divise lo Stato in due parti:
- Stato Centrale (Roma e Italia)
- Provincie senatorie e imperiali

Questo sistema mette d’accordo le due classi sociali più ambite in quel periodo: la classe equestre e quella senatoria.
Le provincie senatorie sono quelle di più antica acquisizione (es. Sicilia, Africa…) che erano date sotto il controllo della classe senatoria.
Le provincie imperiali, invece, erano di più recente acquisizione (Es. Gallia, Oriente, Egitto…) ed erano governate da un proconsole della classe equestre ma sotto il diretto controllo di Ottaviano stesso.

Ottaviano istituisce, inoltre, una nuova carica che consisteva in funzionari pagati dallo Stato che anche loro sotto il diretto controllo di Ottaviano, svolgevano mansioni di diverso tipo come ad esempio: riscuotere le tasse (non ci sono più i pubblicani corrotti), occuparsi di incarichi pubblici, etc… ed erano scelti direttamente da Ottaviano Augusto in base alle persone fidate.

Istituisce un’altra carica quella del prefetto, che rappresentano le varie funzioni di Ottaviano:
-Prefetto urbano: gestisce l’ordine pubblico
-Prefetto dell’annona: raccoglie le necessità pratiche di Roma (es. mancanza d’acqua, di cibo, problemi vari…)
-Prefettura d’Egitto: sotto il diretto controllo di Ottaviano, era uno Stato molto ricco economicamente.
-Prefetto del pretorio: erano soldati scelti da Ottaviano e l’unica legione militare che poteva stare all’interno delle porte di Roma (dentro il Rubicone) e proteggeva Ottaviano.

Hai bisogno di aiuto in Storia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email