Ominide 11268 punti

Cesare Ottaviano Augusto, fondatore dell’Impero


Dopo la guerra contro l’Egitto Ottaviano fece chiudere il tempio di Giano e si dedicò ad opere di pace. Silla prima e Cesare poi, avevano tentato di dare allo Stato romano un capo unico, ma i loro tentativi non erano riusciti e la città era ripiombata nelle lotte civili. Ottaviano, saggio e prudente, riuscì ad instaurare un potere personale, salvaguardando le apparenze della libertà repubblicana.
Senza abolire la repubblica egli fondò l’impero. Ottaviano ebbe dal Senato il titolo religioso di Augusto, quello militare di Imperatore ed il conferimento delle più importanti magistrature: il pontificato massimo, la potestà tribunizia, il proconsolato e la censura.
Inoltre egli era il principe (primo) tra i Senatori ed era perciò sempre il primo ad esporre il suo parere in tutte le questioni discusse. Questo tipo di governo si chiama principato perché in esso il capo dello Stato non è un re, ma il primo fra tutti i cittadini, che non hanno perduto i loro diritti. Difatti tanto il Senato che i comizi obbedivano all’Imperatore, ma i loro poteri non erano stati aboliti. Gli avvenimenti degli ultimi cento anni avevano dimostrato che le vecchie istituzioni repubblicane, che erano state buone per il governo della città, non erano invece adatte a governare il vasto impero che Roma aveva creato. Era necessario un più forte potere centrale che potesse impedire le lotte dei partiti, dominare gli eserciti e la plebe, garantire un buon trattamento alle province, dare, insomma, la pace interna ed esterna alla quale tutti aspiravano.
Hai bisogno di aiuto in Storia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove