Habilis 4634 punti

Il pensiero sociologico: Durkheim e Pareto


Nella società moderna si è affermato il principio di differenziazione, il riconoscimento del valore dell’individuo, ma, con esso, è anche aumentata l’anomia, a causa della disintegrazione delle norme, e, quindi, di una debole integrazione dell’individuo nella società, fra i suoi simili. Ne è una riprova l’aumento del numero dei suicidi nella società attuale.
Durkheim affida alle associazioni professionali, alle “corporazioni”, il compito dell’integrazione degli individui nella comunità. La scienza è venuta progressivamente erodendo e mettendo in crisi le religioni tradizionali (che dividono il mondo in una sfera sacra ed in una profana) e che sono ormai in crisi.


Pareto pensa che i progressi della scienza non comportino un processo di razionalizzazione della società. Oggetto dell’economia sono le condotte logiche dell’individuo, della sociologia le condotte non logiche, che essa cerca di spiegare. Nella vita sociale operano quattro variabili fondamentali: interessi, residui (prodotti da istinti), derivazioni (cioè ideologie, o giustificazioni a posteriori degli atti) ed eterogeneità sociale, di cui è massima manifestazione la separazione fra le masse dei governati e le élites. Mentre nelle masse prevalgono orientamenti irrazionali, nelle élites tendono a prevalere forme di razionalizzazione della condotta. La storia non è storia di lotte di classe, ma “è in gran parte la storia del succedersi delle aristocrazie”, è segnata dalla circolazione delle élites, dall’avvicendarsi, nel tempo, di nuove élites alle vecchie.

La teoria delle élites sarà oggetto di un vivacissimo confronto teorico per tutta la prima metà del Novecento

Hai bisogno di aiuto in Sociologia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email