Sapiens Sapiens 11888 punti

Comunicare con i movimenti del corpo e con il volto


Osservare i gesti e le posture dell'uomo serve per capire meglio il comportamento e come comunicano le persone. La raffigurazione dei movimenti e delle posizioni del corpo è sempre stata oggetto di studio da parte di artisti che operano nel campo dell'immagine.
Nelle fotografie e nei dipinti che possiamo trovare, possiamo vedere come le diverse posizioni del corpo, e i gesti che ne derivano, riescono a trasmettere particolari significati espressivi di tenerezza, di amore, gioia, affetto, disperazione, rabbia, fierezza, esultanza, disprezzo, derisione, eccetera.

Il volto è senz'altro la parte più espressiva del corpo umano. Attraverso lo sguardo, l'inclinazione delle sopracciglia, la piega della bocca e altri mille segnali possiamo esprimere e comunicare chiaramente e alle volte anche involontariamente i nostri sentimenti, il nostro stato d'animo: le sensazioni di gioia,di dolore,di pianto e disperazione,di rabbia,di indifferenza e tante altre espressioni.

Per gli artisti di tutti i tempi le possibilità comunicative del volto umano sono state un importante oggetto di studio. In particolare, partire dal XV secolo, la ricerca artistica si concentrò con maggiore attenzione sull'uomo, cercando di raffigurare attraverso le espressioni del volto i suoi sentimenti più intimi.
In alcuni particolari, ricavati da opere d'arte antiche e moderne, gli occhi, le labbra e il naso sono serviti all'artista per rappresentare varie espressioni e stati d'animo.

Hai bisogno di aiuto in Sociologia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Calendario Scolastico 2017/2018: date, esami, vacanze