Lauree creative: ecco gli sbocchi lavorativi

Margherita Paolini
Di Margherita Paolini

lauree creative: la soluzione anti-crisi a portata di giovani

La scelta che tra poche settimane i neodiplomati si troveranno ad affrontare relativamente al proprio futuro professionale è molto importante. Tanti sono i giovani con le idee chiare già da tempo che si apprestano, se non l’hanno già fatto, a sostenere i test d’ingresso alle Facoltà a numero chiuso. Ma altrettanti sono quelli nella cui testa regna sovrana la confusione. Usciti dal Liceo, infatti, si fanno i conti con quelle che sono le proprie aspirazioni, capacità effettive e sogni di gloria. Quest’ultimi tendono a sparire dallo scenario attuale a causa dell’ingente crisi finanziaria che miete vittime soprattutto nel mondo giovanile. Una delle soluzioni maggiormente in voga negli ultimi tempi è quella delle lauree creative, particolarmente apprezzate dai giovanissimi.

PROFILI PROFESSIONALI EMERGENTI - Event Manager, Strategic Planner, Product Designer, Fashion Coordinator: non sono formule inventate o abbinamenti casuali di parole. Si tratta di profili professionali emergenti che trovano nel mercato del lavoro grandi possibilità di carriera. E se l’inglese desta qualche perplessità, chiariamo immediatamente di cosa stiamo parlando. Si chiamano lauree creative, e sono corsi di alta specializzazione riguardanti settori molto produttivi, come quello del design, della moda, della comunicazione pubblicitaria e digitale. E se i tradizionali diplomi di laurea in legge, ingegneria, lettere, economia sembrano non garantire più alcuna certezza di realizzazione, questi corsi offrono, invece, sbocchi lavorativi molto richiesti e ambiti nel panorama professionale.

CREATIVITÀ E IMPEGNO: LAVORARE NEL MONDO DELLA MODA - Uno dei settori maggiormente apprezzati in questo momento storico è sicuramente quello della moda. Sono sempre più numerosi i giovani che decidono di intraprendere questo percorso, cimentandosi nello studio e approfondimento di vari aspetti concernenti questa realtà sempre in voga. Tra i profili maggiormente ambiti ci sono quelli dell’Art Director, che è responsabile dell’ideazione del concept, come dell’intera comunicazione del brand, o del Label Owner, che progetta una propria linea in un disegno imprenditoriale. Altrettanto noti quello del Fashion Stylist, che si occupa dell’immagine del brand per pubblicità e show di moda, e del Fashion Editor che realizza redazionali per riviste di moda, agenzie di immagine e eventi speciali. Infine le figure emergenti delle Personal Shopper e Fashion Blogger, il sogno di ogni ragazza.

IL PRODUCT DESIGNER - Altra realtà in cui i giovani possono sbizzarrirsi sfoderando estro ed inventiva, oltreché capacità organizzative, è quello del designer. Il Product Designer è colui che si occupa di carpire le esigenze del mercato e tradurle in innovazioni creative, estetiche, tecnologiche e sociali. Le specializzazioni sono numerosissime come anche i settori e i mercati di riferimento: dagli arredi per gli interni, agli elettrodomestici, dagli accessori per auto, moto, bici, ai giocattoli. Anche questo è un percorso formativo che consente di seguire la propria indole creativa, studiando con passione ed impegno nella prospettiva di realizzarsi professionalmente.

E tu pensi di scegliere una laurea creativa?

Margherita Paolini

Commenti
Skuola | TV
La Skuola Tv sta per tornare

Dopo mesi di vacanza, siamo pronti per ritornare a farvi compagnia!

4 ottobre 2017 ore 16:30

Segui la diretta