A scuola con la pistola, ma era un giocattolo: rischia la denuncia

Redazione
Di Redazione

I festeggiamenti dei 100 giorni, per i ragazzi dell’istituto Belluzzi di Rimini, non sono andati come si aspettavano.
I fatti si sono svolti la mattina del 27 Marzo. L’iniziativa, portata avanti dai 300 studenti, prevedeva di fare baldoria con petardi e fumogeni. E così si è svolto il tutto, o per lo meno all'inizio, perché poi l’episodio ha preso dei risvolti inaspettati. La preside intimorita ed infastidita dal rumore infernale, barricatasi in bagno ha chiesto aiuto al 112.

L’arrivo dei Carabinieri


Poco dopo, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Rimini sono giunti sul luogo, e hanno invitato gli studenti a rientrare e rimanere nelle proprie aule, fino a quando la situazione non si fosse stabilizzata. Facendo ciò hanno potuto concentrarsi meglio sull'accaduto, facendo chiarezza sulle parole confuse della preside, la quale comprensibilmente era alterata e spaventata allo stesso tempo.

L’ultimo errore


Ma la storia non finisce qui. Uno studente si è presentato con una pistola giocattolo, e si è avvicinato a una delle pattuglie, spiegando di voler girare un video da postare sui social. I militari perciò si sono trovati costretti ad identificare il giovane, ora si dovrà valutare attentamente se sia opportuno procedere ad una denuncia o meno.

Danilo Caporale

Consigliato per te
Le cose migliori e le cose peggiori quando vai alle medie
Skuola | TV
Prove Invalsi Superiori: tutto quello da sapere

Ospite della Prossima puntata il Responsabile Area Prove Invalsi Roberto Ricci. Con lui parleremo dei test che gli studenti delle superiori dovranno affrontare!

2 maggio 2018 ore 16:30

Segui la diretta