Veri gemelli e falsi gemelli
In media un parto su cento è gemellare. Talvolta i due bambini si assomigliano perfettamente tanto da essere perfino confusi tra loro: in questo caso sono denominati veri gemelli e sono sempre dello stesso sesso. Più frequentemente, invece, i due bambini non si assomigliano affatto e possono essere perfino di sesso diverso: in questo caso si tratta di falsi gemelli.
I veri gemelli derivano da un unico ovulo che è stato fecondato da un solo spermatozoo e si chiamano perciò gemelli monoovulari. L’ovulo fecondato, invece di formare una massa unica di cellule, fin dal primo stadio del suo sviluppo si divide in due parti identiche le quali danno origine a due identici bambini. Ecco spiegato il motivo per cui i gemelli monoovulari sono necessariamente anche dello stesso sesso e hanno le stesse caratteristiche fisiche. Ovviamente i veri gemelli, quando sono nel grembo materno, hanno una sola placenta collegata ai due cordoni ombelicali.
I falsi gemelli (più frequenti dei veri gemelli) derivano da due ovuli distinti fecondati da due spermatozoi diversi; pertanto sono detti gemelli biovulari. Normalmente, durante ogni ciclo mensile, l’ovaia porta a maturazione un solo ovulo. Talvolta, però, giungono a maturazione e sono fecondati due ovuli contemporaneamente: in tal caso nel grembo materno si formano due embrioni diversi e si hanno due gravidanze indipendenti l’una dall’altra. Ovviamente, i falsi gemelli sono collegati a due placente distinte, hanno amnio separato e hanno caratteri ereditari completamente personali, come due fratelli normali. I falsi gemelli possono essere del medesimo sesso, oppure di sesso diverso.
Eccezionalmente nella specie umana si possono verificare parti trigemini, quadrigemini, ecc., che rappresentano la somma dei due processi sopra descritti.
Hai bisogno di aiuto in Scienze per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email