Il sistema solare


In viaggio nello spazio


Per un astronomo la Terra è un piccolo grumo di materia sospeso nello spazio: un pianeta. Insieme ad altri pianeti essa ruota attorno a una stella, il Sole. Il Sole e i pianeti formano insieme il Sistema Solare. Nel corteo di pianeti che si muovono attorno al Sole, la Terra occupa il terzo posto: una posizione qualsiasi ma, per noi, una posizione privilegiata. Infatti noi abitanti della Terra, a partire dal nostro pianeta, abbiamo cercato di capire come è fatto l'universo che ci circonda. Abbiamo così scoperto che per arrivare sulla Luna dobbiamo percorrere 385 000 km e per raggiungere il Sole 150 milioni di kilometri. Il penultimo pianeta del Sistema Solare, Nettuno, si trova a 7 miliardi di kilometri da noi. Queste misure inconsuete risultano difficili da percepire.
Se poi usciamo dal Sistema Solare, le distanze diventano per noi inesprimibili con le comuni unità di misura. Un abisso praticamente incolmabile separa il "nostro" Sistema Solare dalle stelle più vicine. Il Voyager, la navicella spaziale che lanciata nel 1977 si è avvicinata a Nettuno nel 1989, arriverà vicino a Sirio, la stella più luminosa del cielo, tra 350 000.
Per indicare queste distanze "astonomiche" si ricorre a una diversa unità di misura: l'anno luce. Un anno luce equivale 9463 miliardi di kilometri (9,463x10^12km)e corrisponde alla distanza percorsa in un anno dalla luce, che viaggia alla velocità di 300 000 km/s.
Così, se facciamo i conti in tempo-luce, la Luna dista da noi un po' più di un secondo luce, il Sole 8 minuti luce. Oltre il Sole, la distanza che ci separa dalle altre stelle è così grande che la luce per coprirla deve viaggiare per anni. Per esempio la stella più vicina, Proxima Centauri, dista più di 4 anni 4 anni luce.
Il Sole, Proxima Centauri, e altre stelle visibili a occhio nudo o con il telescopio, fanno parte di un enorme ammasso di stelle detto Galassia (dalla parola greca γάλα=latte, con riferimento alla Via Lattea, la parte della Galassia simile a un nastro bianco visibile nelle notti serene dalla Terra).
Nell'universo sterminato la nostra Galassia non è l'unica. Gli astronomi hanno scoperto altri enormi agglomerati di stelle, altre galassie.Esse sono così lontane da apparire a chi guarda il cielo stellato come un unico debole puntino luminoso. Le galassie sono agglomerati di stelle che, a centinaia di miliardi, ruotano attorno a un punto, il centro della galassia, così come i pianeti ruotano intorno al Sole. La rotazione fa assumere a molte galassie una forma appiattita, simile a un disco.

Stelle fisse e pianeti vagabondi


I pianeti del Sistema solare sono nove:Mercurio,Venere,Terra,Marte,Giove,Saturno,Uranio,Nettunoe Plutone.Mercurio e Venere, posti tra il Sole e la Terra, sono detti pianeti interni, gli altri, da Marte a Plutone, posti oltre la Terra,sono detti esterni.
Per indicare le distanze tra i pianeti e il Sole gli astronomi hanno assunto come unità di misura la distanza media Terra-Sole.Questa distanza, definita Unità Astronomica(UA),corrisponde a 150 milioni di kilometri. La Terra dista dal Sole 1 UA,Mercurio,il più vicino al Sole,0,39 UA,Giove 5,2 UA. Mercurio,Venere,Marte,Giove e Saturno sono visibili dalla Terra a occhio nudo, gli altri pianeti più distanti di Saturno possono essere osservati solo con il telescopio.
A differenza delle stelle,i pianeti non emettono luce propria.Essi,però, di notte brillano come stelle perchè sono illuminati dal Sole. Come possiamo allora distinguerli dalle stelle vere e proprie?Un modo c'è.Se osserviamo il cielo notturno,ci accorgiamo che alcuni corpi luminosi occupano posizioni fisse gli uni rispetto agli altri: questi corpi sono le stelle che, per la loro disposizione sulla volta celeste, disegnano le costellazioni in cui l'immaginazione degli antichi ravvisava forme di animali o di personaggi mitologici. Sono esempi di costellazione l'Orsa Maggiore e l'Orsa Minore, a cui appartiene la Stella Polare.
I pianeti non appartengono a nessuna costellazione, ma si muovono lentamente sullo sfondo del cielo cambiando la loro posizione rispetto alle stelle "fisse".
I pianeti si muovono attorno al Sole: questo movimento è detto moto di rivoluzione.Oltre al moto di rivoluzione attorno al Sole, ogni pianeta compie anche un moto di rotazioneattorno al proprio asse, detto asse di rotazione.Questa rotazione nella Terra viene completata in 24 ore .
Hai bisogno di aiuto in Scienze per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email