Ominide 106 punti
Questo appunto contiene un allegato
Genetica - Segreti scaricato 74 volte

Cos'è la genetica


La genetica è la scienza che studia i geni,l’eredità e la variabilità genetica degli organismi grazie ai lavori pionieristici di Gregor Mendel nel XIX secolo.

Gregor Mendel


Nel 1853 Mendel conobbe Andreas von Ettingshausen e Franz Unger,l'influenza dei quali fu determinante per lo sviluppo del suo esperimento sui piselli: il primo gli spiegò la teoria combinatoria, il secondo le tecniche più avanzate di impollinazione artificiale.

Le tre leggi di Mendel


-1^ legge: la dominanza
Da incroci tra individui differenti per una singola coppia di caratteri antagonisti nascono individui in cui compare soltanto uno dei 2 caratteri,quello dominante
-2^ legge: la disgiunzione
Nella discendenza degli ibridi ricompare il carattere recessivo e i due caratteri si presentano separati nel rapporto costante di 3:1
-3^ legge: l’indipendenza
Dall’incrocio di due individui che differiscono per due o più caratteri si ottengono individui nei quali i caratteri si trasmettono in modo indipendente l’uno dall’altro secondo la prima e la seconda legge,e quindi combinati in tutti i modi possibili

Cromosomi


Nel 1900,grazie al microscopio elettronico,vengono individuati nel nucleo della cella i cromosomi responsabili di tutta l’attività riproduttiva della cellula nonché dei caratteri di ogni individuo.

Il meccanismo che regola e mantiene costante il patrimonio cromosomico delle cellule è regolato da due importanti fenomeni:

Mitosi


La mitosi è la riproduzione cellulare e consente a ogni nuova cellula di mantenere inalterato il suo patrimonio cromosomico.

Meiosi


La meiosi è il processo per mezzo del quale nell’individuo si originano le cellule sessuali,i gameti maschili e femminili.

Geni e alleli


Geni


Il gene è una parte del cromosoma che è responsabile del carattere di ogni individuo.

Alleli


Gli alleli sono i geni corrispondenti cioè con lo stesso carattere che se sono uguali determinano un carattere dominante,se diversi determinano un carattere recessivo.

DNA


Il DNA è la sigla con cui si indica l’acido desossiribonucleico che è la sostanza di cui sono fatti i cromosomi. La struttura del DNA costituisce il codice della vita nel quale ci sono tutte le informazioni ereditarie.

Com'è formato il DNA


La struttura del DNA è stata identificata nel 1953 dagli scienziati James Watson e Francis Crick. È detta a doppia elica e possiamo paragonarla a una scala a pioli avvolta a spirale. I pioli di questa scala sono costituiti da: timina, citosina, guanina e adenina.
L’ereditarietà dei caratteri e quindi la trasmissione del codice genetico dai genitori ai figli è resa possibile da due importanti funzioni del DNA: duplicazione e sintesi proteica

La duplicazione del DNA


Durante la mitosi il DNA si apre come una cerniera lampo. Ciascun filamento funge da stampo per formarne uno nuovo. I due nuovi filamenti si avvolgono attorno al proprio stampo formando due doppie eliche ognuna composta da un vecchio filamento e uno nuovo.

La sintesi proteica


Per sintetizzare una proteina il DNA si apre in corrispondenza del gene che codifica quella proteina e con un meccanismo simile alla duplicazione forma una molecola detta RNA messaggero,simile al DNA.

L'ereditarietà nell'uomo


Una parte della genetica,quella umana studia proprio la trasmissione dei caratteri ereditari nell’uomo secondo le leggi di Mendel.
Hai bisogno di aiuto in Scienze per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email