Genius 17680 punti

La radice

Fin da quando la pianta comincia germogliare da un seme, essa deve sviluppare i suoi organi (fusti, foglie, fiori e frutti) e compiere le sue diverse funzioni (nutrizione, respirazione, traspirazione, fioritura). Per questo, essa deve trarre l’ambiente in cui vive tutte le sostanze nutritive. L’ambiente in cui vive la maggior parte delle piante è formato dal terreno e dall’aria; dal terreno, la piante trae l’acqua e le sostanze minerali disciolte in essa: anzi, solo se sono disciolte nell’acqua.
La parte della pianta che penetra nel terreno con lo scopo di ricercare ed assorbire il nutrimento è la radice. La radice si allunga e si ramifica per esplorare più terreno che sia possibile, alla ricerca dell’acqua. Per forare il terreno compatto, la radice porta all’estremità una specie di cuffia, formata da tante cellule schiacciate e indurite. Subito dietro la cuffia, o pileoriza, le radici sono coperte da una fitta peluria bianca, formata da una quantità enorme di microscopici fili, che sono allungamenti delle cellule superficiali della radice: questi piccoli peli si chiamano peli radicali assorbenti e sono essi che compiono l’operazione di assorbire l’acqua contenente i Sali minerali dissolti. L’acqua, con le sostanze in essa dissolte, penetra nella pianta attraverso la membrana esterna dei peli radicali. Questo fenomeno si chiama osmosi. Tuttavia, le cellule della membrana delle radici assorbono solo i sali che sono utili alla pianta. Infatti, le cellule regolano la qualità e la quantità di sali introdotta e, se occorre, interrompono l’assorbimento.
Dai peli radicali, le soluzioni liquide assorbite passano da cellula in cellula e gingono fino al cilindro centrale della radice; di qui, esse sono condotte attraverso sottilissimi canalini, detti vasi, verso l’interno della pianta. Talvolta le radici producono un’0osmosi in senso contrario: per esempio, se incontrano una sostanza dura, cioè insolubile nell’acqua, come il marmo, emettono anidride carbonica. Quest’ultima, mescolandosi con l’acqua, trasforma il carbonato di calcio, di cui è costituito il marmo, in bicarbonato che è molto solubile che quindi può essere assorbito.
Hai bisogno di aiuto in Scienze per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email