Principio di Pascal e sue applicazioni
Contrariamente a quello che succede nei solidi (la pressione esercitata sopra un corpo solido si trasmette solamente nella direzione della forza premente), la pressione esercitata sopra un liquido contenuto in un recipiente si manifesta non soltanto sul fondo ma anche perpendicolarmente alle pareti del recipiente.
Perciò la pressione esercitata sopra un liquido si trasmette inalterata in tutte le direzioni e sempre perpendicolarmente alla superficie premuta. È questo il principio di Pascal (Blaise Pascal, celebre fisico, matematico e pensatore francese, vissuto dal 1623 al 1662).
Una conferma del principio di Pascal si ha nella leva idraulica. Si tratta di un apparecchio costituito da due robusti cilindri di sezione differente S1 e S2, contenenti un liquido qualsiasi (per esempio, olio minerale) collegati inferiormente da un condotto. In ognuno dei due cilindri scorre, a perfetta tenuta, uno stantuffo. Se si applica una forza F, sullo stantuffo S1, lo stantuffo S2 tende ad innalzarsi e per mantenerlo in equilibrio, occorre applicare su di esso una forza F2 tale che F1 : F2 = S1 : S2. In altre parole le forze applicate ai pistoni sono direttamente proporzionali alle sezioni dei pistoni stessi.
Le leva idraulica è molto vantaggiosa quando la forza agente viene applicata su di una superficie S1 piccola. Questa macchina è oggi utilizzata in tutti i rami della meccanica. Se si tiene presente che il tubo di collegamento tra i due cilindri può essere lungo a piacere e correre in tutte le direzioni, facilmente si comprende come la leva idraulica permetta di realizzare comandi a distanza. La leva idraulica viene pertanto applicata nei freni delle automobili, nelle scavatrici, pale meccaniche, cassoni ribaltabili degli autocarri, ecc. (In queste applicazioni il liquido impiegato per trasmettere i movimenti è l’olio minerale).

Hai bisogno di aiuto in Scienze per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email