Pelle del corpo


Il corpo umano è completamente ricoperto dalla pelle o cute. Essa costituisce il sistema tegumentario, il quale collabora con i reni alla escrezione.
La pelle è un rivestimento sottile, flessibile, elastico, che si modella perfettamente alle parti sottostanti. Non si deve tuttavia pensare che essa sia soltanto un involucro. La pelle infatti:
Protegge il corpo dalla penetrazione di germi nocivi dall’esterno;
Contribuisce alla respirazione dei tessuti;
Permette di avvertire le sensazioni del caldo, del freddo, degli ostacoli; ossia è la sede del senso del tatto;
Regola la temperatura del corpo per mezzo del sudore che, evaporando, produce un raffreddamento;
Elimina con il sudore una parte delle sostanze di rifiuto dell’organismo; cioè svolge un’importante funzione escretiva.
La struttura della pelle osservata al microscopio presenta due parti sovrapposte: l’epidermide e il derma.
L’epidermide, parte più esterna, presenta uno strato corneo, superficiale, che si ricambia continuamente. Così, per esempio, la forfora dei capelli non è altro che lo strato corneo della pelle del capo che si distacca sotto forma di squamette. Altre produzioni cornee annesse all’epidermide sono i capelli, i peli e le unghie.
Nonostante il continuo logoramento, l’epidermide è sempre integra perché il suo strato più profondo (detto strato germinativo) che è vivo, produce continuamente nuove cellule di ricambio.
Il derma è la parte che si trova sotto l’epidermide. Questo tessuto presenta numerose sporgenze, denominate papille, ricche di terminazioni nervose, e di vasi sanguigni. Sono le papille che determinano sulla superficie della pelle quei particolari rilievi che nei polpastrelli delle dita sono disposti in maniera caratteristica, inconfondibile da un individuo all’altro.
Hai bisogno di aiuto in Scienze per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità