Ominide 8039 punti

L'alluminio, lo stagno e il piombo

L'alluminio (Al) è un metallo che in natura non si trova allo stato puro, ma è comune nei suoi minerali, quali la bauxite, la leucite, la criolite e numerosi silicati: argilla, mica, caolino, ecc. Questo metallo ha un procedimento di estrazione sai suoi minerali assai complicato. L'alluminio è un metallo di colore bianco argenteo, leggero, buon conduttore di elettricità e di calore. Per queste sue proprietà, viene largamente impiegato nella fabbricazione di parti di automobili e di aerei, per condutture elettriche e per articoli da cucina. Molto importanti sono le leghe di alluminio, tra cui ricordiamo il duralluminio, cioè l'alluminio in lega con una piccola percentuale di rame, magnesio e manganese.
Lo stagno (Sn) è un metallo conosciuto fin dall'antichità. Lo si estrae da un minerale chiamato cassiterite. Questo metallo, di colore bianco, è molto malleabile, cioè si lascia ridurre a lamine molto sottili: basta pensare ai fogli di stagnola usati per avvolgere il cioccolato e le pellicole fotografiche.

La maggior parte dello stagno che si produce serve per fabbricare latta, bronzo (lega di rame e stagno) e lega per saldatori ( piombo e stagno)
Il piombo (Pb) è anch'esso un metallo conosciuto fin dall'antichità. Lo si estrae dalla galena, minerale di elevato peso specifico, abbondante negli Stati Uniti, Colombia, Messico, ecc. Le più importanti miniere italiane di galena si trovano in Sardegna. Questo metallo, di color grigio, è tenero (si può tagliare con un temperino) e fonde a soli 327°C.
Viene usato per fabbricare tubazioni, rivestimenti di cavi elettrici, accumulatori elettrici, diverse leghe (lega per saldatori, per stampa, per proiettili, per fusibili).
Tra i numerosi composti del piombo sono da ricordare il minio e la biacca.

Hai bisogno di aiuto in Scienze per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email