Milk for breakfast

Cristina Montini
Di Cristina Montini

Dopo un’estate di stravizi (chi ha potuto farli!), dopo risvegli in tarda mattinata o a ridosso dell’ora di pranzo, gli studenti italiani nelle prossime settimane ritorneranno sui banchi di scuola riprendendo la routine quotidiana e con essa, si spera, anche qualche buona abitudine, come quella di una sana colazione.

COLAZIONE: UN OPTIONAL PER MOLTI - Nonostante, infatti, medici e nutrizionisti spesso non manchino di sottolineare quanto sia importante una buona colazione per riuscire ad affrontare una giornata ricca di impegni, molti sono ancora coloro che invece la saltano a piè pari o prendono qualcosa al volo sottovalutandone le conseguenze. E allora ecco a voi alcuni validi motivi per convincervi a sedervi a tavolino la mattina e gustarvi una calda tazza di latte.

DIGIUNO MATTUTINO = RISCHIO OBESITÀ - Ormai non è più una novità, studi e ricerche scientifiche hanno confermato che saltare la prima colazione, oltre a causare ipoglicemia e ridotta concentrazione mentale, è un comportamento che favorisce l’obesità. Rimanere digiuni la mattina o accontentarsi di un semplice caffè, infatti, ci porta ad arrivare stanchi ed affamati all’ora di pranzo: “non ci si vede più dalla fame!” e allora si corre ai ripari a metà mattinata sgranocchiando qualche snack gustoso, ma ipercalorico, oppure si approda al pranzo spazzolando via più del dovuto per “recuperare”. E come risultato di ciò otteniamo una difficile digestione, il conseguente cedimento delle palpebre e lo sprofondamento nella pennichella pomeridiana.


UNA TAZZA DI LATTE AL GIORNO… - E se in tutto ciò non ci vedete, in fondo, niente di male, né tantomeno di così pericoloso, allora vi interesserà forse sapere che da una recente ricerca pubblicata sull'American Journal of Clinical Nutrition è stato appurato che il latte, oltre ad essere un alimento dall’elevato potere saziante, consente addirittura di ridurre le calorie del pranzo. Come? Bene, sembrerebbe che ciò dipenda in parte dalle proteine contenute nel latte, in grado di farci sentire con la “pancia piena” più a lungo rispetto ad altri alimenti, ed in parte dal lattosio, ovvero lo zucchero contenuto al suo interno che rende il latte dolce e gustoso al punto da farci sentire soddisfatti e felici fino a pranzo. E in questo modo, una volta arrivati davanti al nostro bel piatto di pasta, non sentiremo più la necessità di “recuperare” per aver sofferto la fame, e ci accontenteremo di un pasto meno calorico.

FAI COLAZIONE E RITORNA IL BUONUMORE - Ancora non vi abbiamo convinto a far colazione la mattina? Ma allora siete proprio tosti! Bene, ma non ci arrendiamo, perché non vi abbiamo ancora parlato dei risvolti psicologici di una colazione come si deve! Secondo uno studio condotto dall’Istituto Telethon di ricerca sull’infanzia di Perth, una corretta e completa colazione aiuta gli adolescenti a proteggerli da depressione, ansietà e disubbidienza (e per quest’ultima i vostri prof vi ringrazieranno!). L’importante, secondo questo studio, è variare gli alimenti: basterà integrare la tazza di latte o lo yogurt una volta con della frutta fresca, un’altra con dei cereali oppure con un po’ di frutta secca e vedrete che umore e rendimento scolastico miglioreranno.

AMATO CORNETTO, ADDIO? - Certo una sana colazione non significa che dovrete per sempre rinunciare al piacere del cornetto fragrante del bar sotto casa, che sarà pure pieno di grassi, poco saziante e per niente salutare come dicono gli esperti, ma di certo TANTO buono! E allora concedetevelo giusto qualche volta, magari come premio per un compito o una interrogazione ben riuscita, o semplicemente come consolazione se, accidentalmente, doveste prendere un brutto voto.

Ma ora diteci, quali sono le vostre abitudini mattutine: colazione sì o colazione no?

Commenti
Skuola | TV
La Skuola Tv va in vacanza!

Anche la Skuola Tv prende un momento di pausa, ma non preoccuparti in autunno torneremo a farti compagnia!

4 ottobre 2017 ore 16:30

Segui la diretta