Ominide 4865 punti

h2b]Teoria di Kohlberg[/h2]

La teoria di Kohlberg è caratterizzata dall'utilizzo di dilemmi morali, ovvero racconti in cui emergono dei principi contrastanti. In base alle risposte raccolte, Kohlberg ha dimostrato l’esistenza di tre livelli di ragionamento morale.
I livelli del ragionamento morale sono:
-preconvenzionale durante il quale le regole sono imposte dall’autorità, perciò sono accettate acriticamente, senza alcun processo di decisione cognitiva, infatti, vengono percepite come inconfutabili;
-convenzionale durante il quale l’individuo vive in conformità delle regole del gruppo sociale a cui appartiene, perciò si evidenzia un’ambivalenza nelle risposte date ai dilemmi morali;
-postconvenzionale, in cui si riconoscono dei principi quali i diritti umani, l’uguaglianza, la giustizia, validi universalmente, al di sopra di qualsiasi regola.
I limiti della teoria di Kohlberg sono: la validità ecologica, in quanto i dilemmi morali molto spesso erano troppo lontani dalla vita reale; le presunte differenze di genere, infatti, secondo i suoi studi le donne avrebbero un minore sviluppo morale, tuttavia, è stato evidenziato che tali risultati sono emersi perché il modello di Kohlberg prediligeva una morale della giustizia (tipicamente maschile) piuttosto che una morale della cura (tipicamente femminile); le differenze culturali che incidono fortemente sullo sviluppo morale dell’individuo, invece, la teoria di Kohlberg si basa su modelli occidentali; lo sviluppo morale si basa su una molteplicità di fattori.

Hai bisogno di aiuto in Psicologia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email