Prove INVALSI quinta superiore: come funzionano i risultati

Speciale Invalsi Quinta Superiore
In collaborazione con Speciale Invalsi Quinta Superiore
invalsi quinta superiore

Un anno di novità e cambiamenti quello che stanno vivendo i maturandi del 2019. Oltre infatti al nuovo esame di Stato, per loro arrivano anche, per la prima volta, le prove INVALSI. Dal 4 al 30 marzo, infatti, anche i ragazzi di quinta superiore devono svolgerle, e cimentarsi così con ben tre prove: Italiano, Matematica e Inglese. Se per quanto riguarda la struttura di ognuna, le tematiche trattate e le competenze da dimostrare, tutto sembra ormai chiaro, lo stesso non si può certo dire per quanto riguarda gli esiti delle prove INVALSI. Tanti infatti i ragazzi che ancora non hanno ben chiari i criteri di valutazione e l’eventuale peso che avranno sul loro andamento scolastico.

Prove INVALSI: come vengono valutate?


Oltre alle prove in sé per sé, a preoccupare gli studenti di quinta superiore è anche la valutazione. Come verranno valutate e da chi, soprattutto, è quello che si stanno chiedendo in questi giorni molti studenti.
Chiariamo subito che le prove INVALSI non verranno corrette dai professori bensì da un team di professionisti incaricati della correzione direttamente dall’Istituto, che redige e organizza ogni anno le prove. Saranno loro, quindi, a valutare le prove e a decretarne l’esito.

Prove INVALSI: come viene espresso l’esito delle prove


Per quanto riguarda la prova di Inglese gli esiti, distinti per ascolto e lettura, saranno espressi su tre livelli: non ancora B1, B1 (intermediate), B2 (upper intermediate). Tutti si riferiscono al Quadro Comune Europeo per la Conoscenza delle Lingue.
Discorso diverso per quanto riguarda gli esiti delle prove di Italiano e Matematica. Per queste prove, infatti gli esiti saranno espressi su una scala di 5 livelli descrittivi: da 1, che rappresenta il più basso, al 5 che è il più alto.

Prove INVALSI: come e quando conoscere gli esiti


Per conoscere gli esiti delle prove INVALSI bisognerà attendere un po’ di tempo (orientativamente, dovrebbero essere pubblicati tra maggio e giugno). Ogni studente potrà scoprire come sono andate le prove e visionare il proprio livello rispetto a una scala nazionale unica. Farlo è semplice: si dovrà accedere con le proprie credenziali, che vengono fornite durante lo svolgimento della prova, sul sito INVALSI, nell’apposita sezione ed entrare con il profilo studente. L’esito delle prove confluirà nel curriculum scolastico dello studente, allegato al diploma, ma non inciderà sul voto finale dell’esame di Stato. Anche nel caso in cui il curriculum dello studente venisse rinviato all’anno prossimo, l’attestazione dei risultati delle 4 prove INVALSI (Italiano, Matematica, Inglese reading, Inglese listening) verrà comunque rilasciata a tutti gli studenti che le hanno sostenute. È importante però sapere che le prove, seppure non saranno requisito di ammissione alla Maturità 2019, sono obbligatorie.

L’attestato di Inglese INVALSI


Riguardo i risultati INVALSI di quinta superiore, c’è un’altra informazione da sapere. Una buona notizia, certamente, per i maturandi. Le competenze raggiunte nella prova di Inglese saranno certificate da un attestato, che potrà essere utilizzato in futuro sia durante l’università, che nell’ingresso nel mondo del lavoro. In alcuni atenei, addirittura, potrà valere come idoneità per la lingua straniera. Un ottimo punto di partenza per la nuova carriera post-diploma!