Sapiens Sapiens 15311 punti

Educazione in Inghilterra nel XVIII secolo


In Inghilterra la realtà educativa del Settecento era in netto contrasto con lo sviluppo culturale portato dagli illuministi. La scuola elementare era quasi inesistente, quella media si evolveva molto lentamente verso impostazioni più moderne, pur restando un tipo di istruzione concepita per pochi privilegiati. Le Università restavano del tutto estranee al movimento riformista degli Illuministi.
Non era prevista una scuola elementare popolare e lo stesso Locke aveva previsto questo tipo di intervento educativo solo nell’ottica di lottare contro la mendicità. Di fatto, né a livello locale, né a livello statale non esisteva nessun intervento pubblico. A volte provvedevano a queste carenze le scuole parrocchiali, a volte singole donne che, a pagamento, accoglievano in casa propria bambini del vicinato, pur non avendo nessuna preparazione specifica. Esse venivano chiamate Dame Schools. Talvolta le stesse scuole medie organizzavano dei piccoli corsi con queste finalità. Per i poveri, alcune società religiose e filantropiche organizzavano scuole e corsi domenicali, comunque poco diffusi e non molto efficaci.
La nuova e ricca borghesia, insieme alla parte più illuminata della piccola nobiltà richiedeva un’educazione moderna è più collegata alla vita reale. Questo si capisce meglio col fatto che fin dal XV secolo la borghesia era riuscita a far frequentare ai propri figli le stesse scuole umanistiche frequentati dai rampolli della piccola nobiltà e contemporaneamente erano anche sorte scuole il cui compito era di preparare i nobili a compiti di governo.
Nel XVIII le conquiste in questa direzione furono modeste. Accanto a deboli tentativi di aggiornare le Public Schools, si ebbe la diffusione delle Dissenters’ Academies (= Accademie dei dissidenti religiosi), cioè dei tentativi di istituzioni puritane che uscirono allo scoperto solo dopo l’ Act of Toleration del 1689, che riconosceva la libertà religiosa per tutti. In queste scuole si dava importanza alla lingua materna agli insegnamenti tecnici e scientifici, senza tuttavia tralasciare lo studio del latino. Erano tipiche scuole della media borghesia che trovarono una discreta diffusione anche nelle colonie inglesi dell’America del Nord. A questo, è da ricordare l’ Accademia di Filadelfia, fondata da Beniamino Franklin nel 1753
Hai bisogno di aiuto in Pedagogia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email