Romanticismo - Arte e letteratura

Modernità: si esprimono libertà (idea chiave del secolo) e il desiderio di rinnovamento svincolato dai presupposti classicisti del periodo precedente. L’uomo romantico ricerca l’affermazione della propria individualità sia nella modalità ontologico-esistenziale sia nella modalità storico-realistica. L’arte e la letteratura tengono a mostrarsi moderne e contemporanee, lontane dalle poetiche e dai gusti delle epoche passate.

Bellezza: viene storicizzato il concetto di Bellezza: Il bello non è un concetto valido per sempre, unico e totale; ogni epoca e ogni soggetto sentono e colgono il bello in modo diverso rispetto al periodo precedente; cultura ed estetica sempre in movimento, non soggette al rispetto di regole rigide, ma frutto della libera vena creatrice e originale dell’artista in un dato tempo. Tutto è degno di letteratura: non ci sono tematiche alte e tematiche basse a priori.

Musica e pittura: riescono ad esprimere al massimo libertà e creatività dell’autore e colgono l’essenza segreta del mondo. I più grandi musicisti: Ludwig van Beethoven, Franz Schubert, Robert Schumann, Friedrich Chopin, che seppero incarnare il mito dell’artista ribelle. Sola forza degli strumenti, dotati di una forte potenza evocatrice: la passione del musicista viene trasmessa tale e quale nell’ascoltatore.

Particolarmente identificativa è la V sinfonia di Beethoven, in quanto in essa sono presenti i caratteri principali non solo dell’opera beethoveniana ma anche dell'intero periodo letterario: titanismo individuale e forza del destino. Tema centrale è il conflitto io-mondo, e individuo-destino; di fronte ad una realtà e ad un destino che negano all’individuo la piena realizzazione, l’io deve ribellarsi e trionfare; le prime quattro note, lette come tre punti e una linea del codice morse formano la parola ‘victory’; “così il destino batte alla porta e tu lo devi combattere”. Primo movimento: trionfo provvisorio del fato; secondo movimento: speranza di riscatto; terzo movimento: conflitto tra i due poli; quarto movimento: eroismo trionfante dell’io.

Musica in Italia: melodramma, caratterizzato dal suggestivo connubio musica-testo, realizzato nei teatri e indirizzato a stimolare nel grande pubblico gli ideali civili e patriottici. I libretti sono testi che narrano storie schematiche secondo lo stile nazional-popolare: la netta separazione di bene e male, tragedie esistenziali e storiche, personaggi fissi in cui l’ascoltatore si rispecchia. I più grandi musicisti italiani: Vincenzo Bellini, Gaetano Donizetti, Giuseppe Verdi. Anche il pubblico meno colto riusciva a prendere consapevolezza dell’importanza del suo contributo alle lotte risorgimentali per la libertà.

Pittura: valore simbolico e allusivo = esprime il soggettivismo individuale e sentimentale dell’artista, la profondità del suo mondo interiore, le pulsioni irrazionali, la visione del mondo libera e immediata.

Bello neoclassico (equilibrio, razionalità, armonia) vs bello romantico (sublime, esprime in maniera soggettiva la forza delle passioni e lo sgomento dell’uomo davanti all’infinito mistero dell’universo.) Tema: realismo sociale storico: Natura^ (paesaggi desolati e notturni = isolamento dell’intellettuale); Soggetti storici^ (incitano a indipendenza e libertà).

Lirica e romanzo: si ha una crisi dei tradizionali generi letterari; si rifiutano epica e tragedia, mentre poesia e romanzo si affermano maggiormente: essi sono più adeguati ad esprimere una visione soggettiva del mondo (lirica, modalità ontologico-esistenziale) e a registrare i profondi cambiamenti sociali (romanzo, modalità storico-realistica). Si assiste ad uno straordinario successo del romanzo, che diviene il genere “onnivoro” dell’Ottocento: genere ibrido e sperimentale senza tradizione alle spalle; genere più idoneo per diffondere i nuovi ideali borghesi; si presta maggiormente alla libertà espressiva dell’autore; può trattare svariati argomenti (storici, quotidiani, sentimentali…) con uno stile medio adatto a tutti; propone una immagine complessiva del mondo sia dello scrittore sia dell’intera società; esprime al massimo la concezione dinamica della storia in cui si scontrano e incontrano istanze diverse (individuo e destino, diritti e doveri, ideali e realtà).

Hai bisogno di aiuto in Contesto Storico Letterario 800?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email