Addio Stan Lee: i supereroi più famosi e amati della Marvel

lucy.t.997
Di lucy.t.997

E’ morto il papà dei supereroi della Marvel: Stan Lee

Dopo che da anni giravano fake news sulla morte di vari personaggi dello show buisness, tra cui anche lui, ieri è davvero venuto a mancare Stan Lee, uno dei maggiori sceneggiatori della Marvel Comics. Ormai un simbolo per tutti gli appassionati dei fumetti, ha dedicato la sua vita per far immergere grandi e piccini nel magico mondo dei supereroi. Ha portato su carta un nuovo modo di dipingere e mostrare i supereroi, e proprio per questo è palese che questo grande uomo, o “The Man” come veniva spesso chiamato, ha lasciato un segno indelebile dietro di sé. E’ diventato uno degli uomini di punta della Marvel Comics, che da piccola casa editrice è ora diventata un colosso dell’intrattenimento multimediale. E’ triste pensare che la prossima volta al cinema, durante la proiezione di un film Marvel, lui non spunterà fuori interpretando l’ennesimo cameo; una tradizione ormai che l’ha portato in questo modo a farsi amare dal grande pubblico.

Rivediamo insieme i suoi contributi all’universo del fumetto.



I supereroi di Stan Lee

Stan approdò alla Marvel prima della Seconda Guerra Mondiale e diventò il più giovane editor nel campo a soli 17 anni. Da qui la sua carriera ebbe una crescita costante, anche se furono tanti i momenti di sconforto, stava addirittura decidendo di lasciare il mondo dei fumetti quando gli venne affidato il compito di creare un gruppo di supereroi in grado di competere con la Justice League of America targata DC. E’ da qui che la sua carriera e la Marvel stessa hanno fatto un salto in avanti, anzi un baratro in avanti, creando i supereroi che noi tutti oggi conosciamo e che stanno attualmente riempiendo le sale cinematografiche.


I Fantastici Quattro

La prima risposta Marvel al nuovo gruppo di supereroi creato dalla DC, la Justice League, ha subito un notevole successo. Pubblicato per la prima volta nel 1961, creato dalle brillanti menti di Lee alla sceneggiatura e Kirby ai disegni, coppia poi collaudata e testata anche in molte altre collaborazioni, è proprio questo fumetto a dare il via alla rivoluzione messa in atto da Stan.

Hulk

A maggio del 1962 esce per la prima volta “The incredible Hulk”, sulla scia della paura statunitense per gli attacchi nucleari. Tutte le emozioni negative che ogni uomo ha celate dentro di sé e che trovano la loro esplosione se sollecitate da rabbia o stress: questa la genesi del personaggio secondo le idee originali di Stan Lee.

X-Men

Un gruppo inizialmente formato da cinque adolescenti che in seguito a mutazioni del loro DNA sono dotati dalla nascita di poteri fuori dall'ordinario, a causa del così detto gene-X. I temi alla base di questa serie di fumetti sono la discriminazione e l’emarginazione proprio a causa della diversità che invece li accomuna.

Thor

Subito dopo aver creato Hulk, Stan Lee racconta di essersi posto la seguente domanda e quindi risposta “Come fai a rendere qualcuno più forte della persona più forte? Alla fine l'ho capito: non renderlo umano - rendilo un dio.” Ecco che nell’agosto 1962 fece la sua prima apparizione Thor, il Dio del Tuono, nella striscia Journey into Mystery.

Iron Man

A marzo del 1963 compare per la prima volta uno degli attuali supereroi di punta del Marvel Universe e del Marvel Cinematic Universe: Tony Stark, l’uomo in armatura. Prodotto del capitalismo sfrenato e imprenditore arricchitosi vendendo armi, la sfida che Lee ha brillantemente superato era proprio quella di prendere un personaggio che a nessuno sarebbe mai potuto piacere e renderlo un eroe.

Daredevil

Mentre dalla collaborazione Lee-Everett è nato il primo supereroe cieco: Devil, noto anche come Daredevil. Fa la sua prima comparsa nell’aprile del 1964, dove avviene la sua consacrazione come uno degli eroi più amati di sempre, la IGN Entertainment lo posiziona al decimo posto nella lista dei 100 maggiori eroi della storia dei fumetti.

Dottor Strange

A luglio 1963 il figlio della collaborazione Lee-Dikto fa la sua prima comparsa in Strange Tales: stiamo parlando appunto del Dottor Strange. Con lui Lee e Dikto esplorano il mondo magico dell’Universo Marvel e pongono Strange come principale protettore della Terra da minacce di natura magica e mistica, grazie alla sua padronanza delle arti occulte e al suo ruolo di Stregone Supremo.

Spider-man

Sempre figlio della collaborazione Lee-Dikto troviamo uno degli eroi Marvel più famosi di tutti i tempi: l’Uomo Ragno. La sua prima, breve apparizione nel 1962 nella collana Amazing Fantasy riscosse un successo tale da convincere l’editore a dedicargli una testata tutta sua, così l’anno successivo debuttò The Amazing Spider-man. IGN Entertainment lo posiziona al terzo posto nella lista dei 100 maggiori eroi della storia dei fumetti, sotto solo a Superman e Batman, quindi conferendogli il primo posto tra i supereroi Marvel.

Skuola | TV
Il Vicepremier Matteo Salvini risponde agli studenti - #MeetMillennials

Con il Vicepremier e Ministro dell'Interno parleremo di attualità, scuola e molto altro. Curioso di scoprire cosa dirà? Non perdere la puntata!

17 dicembre 2018 ore 15:00

Segui la diretta