Paghetta povera? 450 euro ai bamboccioni

Margherita Paolini
Di Margherita Paolini

ventottenne reclama paghetta da 450 euro: la Cassazione gli da ragione

La paghetta può diventare materia di discussione in Tribunale? Sembra proprio di si. Infatti un padre e un figlio si sono ritrovati a discutere di fronte ad un giudice dei 450 euro di paghetta reclamati dal giovane studente privo di lavoro. Il genitore, oppostosi a tale richiesta, ha dovuto arrendersi a sborsare questa considerevole paghetta di fronte alla sentenza di una Cassazione favorevole alla richiesta del giovane.

UNA PAGHETTA DA 450 EURO - Da sempre la paghetta è motivo di litigio tra genitori e figli. Chi non ha mai chiesto qualche spiccio in più per uscire con gli amici o fare quell’acquisto da tanto desiderato? Adesso a venire in soccorso dei ragazzi ci pensa la Cassazione. Il fatto in questione è nato da un comunissimo diverbio tra genitori e figli. Uno studente siciliano ha, infatti, deciso di portare il padre in Tribunale a causa del rifiuto di quest’ultimo di versargli mensilmente una paghetta da 450 euro. Infatti il giovane, nonostante i ventotto anni di età, non aveva altre fonti di sussistenza frequentando ancora i banchi universitari ed essendo, inoltre, sprovvisto di lavoro.

L’ITER GIURIDICO - Se la Prima Sezione Civile aveva bocciato il ricorso del genitore che proprio non voleva saperne di elargire al figlio la generosa paghetta, mantenimento impostogli dal giudice di appello, il Tribunale aveva però appoggiato in primo grado la posizione del padre. Infatti il ventottenne, secondo il giudice, era colpevole di non aver ancora conseguito la laurea, nonostante l’età ormai adulta, e quindi anche di non aver raggiunto l’indipendenza economica. Poi il 7 maggio del 2009, la giustizia si è schierata nuovamente dalla parte del giovane, condannando il padre al mantenimento del figlio. La causa di tale decisione è stata rintracciata nella mancata dimostrazione della effettiva “colpevole inerzia” del ragazzo nell’ottenimento dell’indipendenza economica.

IL VERDETTO PRO BAMBOCCIONE - Il genitore, tuttavia, non si è rassegnato all’obbligo di versare le centinaia di euro mensili al figlio scapestrato e bamboccione, e così ha fatto ricorso in Cassazione, avvalendosi della prova che il giovane aveva impiegato sei anni, anziché tre, per laurearsi e, oltre questo, aveva anche rifiutato diverse possibilità di lavoro. Ma l’epilogo della vicenda si è sciolto in favore del ventottenne. Infatti la Cassazione ha respinto il ricorso del genitore affermando che “il mero raggiungimento del titolo di studio non dimostra il raggiungimento dell’indipendenza economica”. Il padre, oltre alla considerevole paghetta mensile, ha dovuto sborsare anche 2.200 euro di spese.

DIRITTO ALLA PAGHETTA - Questa vicenda, insomma, lascia intendere, cari giovani, che il mantenimento da parte della propria famiglia, sottoforma di paghetta o meno, è un diritto al quale potete appigliarvi fino all’ottenimento di una occupazione stabile. Sta poi alla coscienza di ogni figlio capire quanto sia giusto o meno approfittare della generosità dei propri genitori. Restare parcheggiati a lungo nei corridoi universitari, soprattutto in tempi di crisi come quello che stiamo vivendo, è certo una soluzione molto comoda. Ma è bene, soprattutto in prossimità dei trent’anni, come nel caso del giovane bamboccione, iniziare a progettare la propria vita. E se la disoccupazione non lascia scampo, sarebbe forse meglio rendersi utili dentro casa, o quantomeno affrettarsi a terminare gli studi in modo da liberare i genitori dall’onere delle esose tasse universitarie.

E tu pretenderesti dai tuoi genitori di essere mantenuto così a lungo?

Margherita Paolini

Commenti
Skuola | TV
La Skuola Tv sta per tornare

Dopo mesi di vacanza, siamo pronti per ritornare a farvi compagnia!

4 ottobre 2017 ore 16:30

Segui la diretta