I 10 tipi di studenti in palestra

Andyb3105
Di Andyb3105

 foto di studente muscoloso

E' ricominciato quel periodo dell'anno in cui si avverte una certa voglia di staccare il sedere dagli appunti di diritto penale e rimettersi in moto: sarà il freddo, sarà il bisogno di vedere persone senza avere i sensi di colpa che comporta l'aperitivo, a un certo punto a tutti balena in mente l'idea di iniziare a frequentare una palestra. Deciso, finalmente, su quale sia la palestra che più si adatta alle tue esigenze, ti iscrivi. Metti piede nella sala attrezzi e osservi per catalogare gli esseri che la popolano..

Guarda il video e scopri i più grandi epic fail che si possono fare in palestra!

#10. Quello che non ci va
Una buona percentuale degli studenti preferisce al bilanciere il divano e al corso di zumba le melanzane alla parmigiana. Ma ammettere questa preferenza è dura, e porta il povero studente a nascondersi dietro le scuse più svariate: dal classico "non ho soldi" al più originale "eh no, perché io ho un po' di mal di schiena genetico, dubito che passerà mai, quindi la palestra per me è off limits…"

#9. Quello che va per rimorchiare
Lo vedi entrare in palestra e puntare la preda. Finge di fare una ripetizione al bilanciere: poche ripetizioni, carico da 785 chili… Non ha mai messo piede in palestra, e domani sicuramente si pentirà perché avrà perso la sensibilità alle mani e la sua schiena reclamerà vendetta. Però i fini sono alti, e bisogna pur farsi notare dalla bellezza sul tapis-roulant. Alza il bilanciere, si spezza la schiena, riabbassa, muore dentro, finge di stare benissimo e si dirige verso la fanciulla con il pretesto del "recupero". Quell'ora e mezza di allenamento si conclude nel momento in cui riesce a attaccare bottone con la punta di turno.

#8. Il super palestrato/ la super palestrata
Il super palestrato si ama moltissimo. Entra in palestra e monopolizza lo specchio per allenarsi specchiandosi: le contrazioni dei suoi muscoli sono per lui l'erotismo fatto a movimento. Lo riconosci anche a lezione , non solo per la mole di massa muscolare che si porta appresso, ma anche perché, negli orari più impensati, lo vedrai tirare fuori dallo zaino una scatoletta con del tonno al naturale, uno shake o una barretta proteica: deve fare massa. La dedizione che il super palestrato mostra verso la palestra batte di gran lunga l'amore che tu provi per la cioccolata. E tu stravedi per la cioccolata.

#7. Il salutista
Il salutista è la versione diversamente proteica del super palestrato. Ama tenere un profilo più basso, ma non iniziare l'argomento "alimentazione e fitness" con lui o dovrai comunicare alla tua segretaria di cancellare tutti gli impegni: il salutista è l'impersonificazione dell'enciclopedia medica online, si aggiorna costantemente da tutti i siti internet possibili e immaginabili. Manco per la tesi credi farai un lavoro di ricerca del genere. Se accenni a elementi come "cioccolato bianco" o "patatine fritte" gli vedrai apparire la morte in viso.

#6. Quello coi sensi di colpa
Quello coi sensi di colpa tendenzialmente in palestra non mette piede. Lo vedi il giorno dell'iscrizione, che fa annuale perché "almeno la sfrutta", e dopo un mesetto circa con uno sguardo colpevole. Si avvicina al personal trainer e si giustifica perché "non è potuto venire perché lo studio/la schiena/il meteo.." non gli hanno concesso di frequentarla. Al personal trainer non interessano molto i motivi, e lo piazza sulla cyclette. Quello con i sensi di colpa inizia a pedalare a livello 1. Appena gli si siede vicino qualcuno inizia a giustificare la sua poca forza perché non ha potuto allenarsi prima. Dopo 15 minuti di pezzo al povero utente sconosciuto che voleva solo ascoltare Nicki Minaj, viene spostato in sala pesi, dove si rende conto di essere vestito in maniera inadeguata, si avvicina al primo palestrato per scusarsi perché non è vestito in maniera tecnica perché "la roba era tutta a lavare". Arriva nelle docce, dove, infine, si scuserà per esserci stato più di 3 minuti e 28 secondi. Torna a casa e si sente clamorosamente in colpa per non aver studiato i suoi appunti di diritto amministrativo.

#5. Quello che scarica lo stress
Quello che scarica lo stress è infoiatissimo, mentre pedala sull'ellittica. La faccia bordeaux fa pendant con le scarpette da ginnastica. Spende in palestra un intero pomeriggio caricando come un bodybuilder e conclude il suo allenamento parlando con il vicino di panca negli spogliatoi "Ne avevo proprio bisogno. Sai, sono uno studente, stando sempre seduto devo trovare un modo per sfogare lo stress."

#4. Quello della doccia
Quello della doccia va in palestra per fare 15 minuti di cyclette. Poi entra negli spogliatoi, e tira fuori dal borsone il suo armamentario da doccia: shampoo, balsamo, docciaschiuma, esfoliante corpo, esfoliante viso, sapone idratante, maschera per i capelli, rasoio, sapone depilatorio, 12 tipi di spazzole e pettini, guanto di crine, creme per corpo e viso di tutti i tipi, accappatoio cifrato e asciugamani coordinati. Esce dalla palestra un'ora e mezza dopo. Mai stato così profumato.

#3. Quella con la tutina
Quella con la tutina è una super model. Fisico perfetto, trucco perfetto, portamento perfetto mentre attraversa la sala. Comporta continui torcicollo per gli uomini ai macchinari. Anche lei però ha un difetto: è completamente scoordinata. Rischia di darsi il bilanciere in faccia almeno una volta al giorno, non sa assolutamente come si usino i macchinari, inciampa sul tapis-roulant. Tuttavia questo non la mette a disagio: metà palestra attendeva solo quel momento per tirare fuori il lato personal trainer. Inutile dire che il primo della fila è quello che va per rimorchiare.

#2. Il compagno di università
Il compagno di università sembra il più delle volte un esaurito. Ti saluta come se fossi il suo amico di sempre anche se vi siete incrociati una volta nell'atrio e ti attacca un pezzo epico su esami, appunti universitari, libri, professori, appelli, parziali, lauree, tesi, burocrazie varie… Insomma, ti causa un attacco di panico mentre stai cercando di gestire lo stepper e ti fa rinunciare a qualsiasi intento ginnico.

#1. Quella del pilates
Quella del pilates entra in sala solo per raggiungere la sala corsi. E' longilinea e austera, guarda con schifo chi suda su quegli arnesi. Razzismo che viene fuori in maniera ancora peggiore verso la classe di zumba. Non vuole avere nulla a che spartire con quegli individui sudaticci e ciccettosi: lei non ha grassi da bruciare o massa da mettere su. Lei fa pilates, come le top model. Passa, ti schifa, e se ne va al suo lettino. (E' ovvio che parliamo di pilates con i macchinari, mica di quello a terra.)

Andrea Buticchi

Commenti
Skuola | TV
La Skuola Tv sta per tornare

Dopo mesi di vacanza, siamo pronti per ritornare a farvi compagnia!

4 ottobre 2017 ore 16:30

Segui la diretta