Studenti bulli con i prof? Peggio, cyber-bulli: pochi i casi, ma amplificati dalla Rete

Marcello G.
Di Marcello G.

Casi circoscritti, probabilmente sempre accaduti in migliaia di classi di tutto il mondo, che però negli ultimi anni hanno trovato un gigantesco megafono nella tecnologia. Uscendo dalle aule e attirando l’attenzione dei media. Dando più di uno spunto per avviare una riflessione che coinvolge alunni, docenti e famiglie. Le aggressioni di studenti nei confronti dei propri professori, seguendo le cronache, sembrano fenomeni all’ordine del giorno. Eppure, stando a quanto hanno raccontato i circa 7mila studenti – di scuole medie e superiori - interpellati da Skuola.net, il fenomeno è meno grave di quanto si percepisca. Almeno in apparenza.

In un caso su tre si tratta di aggressioni fisiche

Solo il 7% dei ragazzi, infatti, dice di aver assistito a uno scatto d’ira di un proprio compagno che aveva come bersaglio il docente di turno. Stiamo parlando di poco più di 1 studente su 20. E, nella maggior parte dei casi, si tratta di aggressioni verbali: il 55% degli intervistati riporta che il coetaneo si è ‘limitato’ a insulti e improperi. Più di un terzo delle volte (36%), però, lo studente è passato alle vie di fatto, alzando le mani verso l’insegnante. Che, in termini assoluti, si traducono in pochissimi episodi. Comunque da condannare senza se e senza ma.

Davanti al bullo si clicca su 'rec'

Il problema, semmai, è un altro. L’atteggiamento della classe. Perché, quando accadono cose del genere, gli altri studenti non intervengono. Anzi, contribuiscono a far diventare virale la scena, tra chi frequenta la scuola (e non solo). Mettendo in atto una sorta di cyberbullismo ai danni dei prof. Per il 27% degli intervistati, infatti, i ragazzi che hanno assistito allo scontro si sono limitati a riprendere con lo smartphone, per scattare foto o girare video di quanto stava avvenendo, da caricare online sui social network o passarsi via chat, ridicolizzando il docente o esaltando l’impresa. A cui va aggiunto un 20% che afferma che nessuno ha difeso l’insegnante. Secondo il 16%, c’è stato chi ha preso addirittura le parti del compagno. Appena 1 su 5 – il 21% - conferma che c’è stato almeno il tentativo di placare gli animi.

Molti prof preferiscono non reagire

Forse anche per questi strascichi ‘tech’, per la paura che si gonfi a dismisura l’attacco nei propri confronti, ben oltre le mura della scuola, che tantissimi professori decidono di subire in silenzio. Proprio quello che è avvenuto più spesso negli ultimi episodi. Sempre in base ai racconti degli studenti, nel 43% dei casi i docenti non hanno reagito alla violenza (fisica o verbale che sia). Per il 57%, invece, gli insegnanti hanno risposto all’affronto adottando la stessa arma usata dall’alunno. Un quadro che vede gli insegnanti messi sotto pressione anche da un altro fronte: quello dei genitori. Perché quasi 1 ragazzo su 10 sostiene che pure le famiglie si danno il loro bel da fare: l’8% dice che più di un genitore ha offeso un docente per il trattamento riservato al figlio (qualcuno ha persino alzato le mani). E allora il problema diventa sistemico. I numeri tornano.


Marcello Gelardini


Skuola | TV
Angelica Massera ospite della Skuola Tv!

La webstar, molto apprezzata dai più giovani grazie ai suoi video esilaranti, ci racconterà dei suoi progetti futuri! Non solo, cerchremo di capire quali sono i segreti per avere successo sul web! Non perdere la puntata!

21 novembre 2018 ore 15:00

Segui la diretta