Il diario scolastico: una cosa da piccoli?

Diario scolastico, come viene utilizzato dagli studenti secondo un sondaggio di Skuola.net

Ancora molto utilizzato per segnare compiti, frasi e dediche dei compagni, il diario resiste all’avvento del digitale almeno tra i più giovani: considerando complessivamente le scuole medie e superiori, tre studenti su quattro lo utilizzano per trascrivere i compiti assegnati. Il numero è ancora maggiore se si considerano gli studenti delle medie, mentre alle superiori il diario è costretto a cedere il passo: quasi il 10% degli alunni alle superiori usa le app del telefonino e quasi altrettanti impiegano un semplice quaderno. E’ quanto emerge da un sondaggio che vi abbiamo proposto nei giorni scorsi e al quale hanno risposto circa mille di voi. La palma dei più tecnologici va agli studenti degli istituti professionali e ai 18enni: sono loro che impiegano più di altri le applicazioni dello smartphone per prendere nota dei compiti.

AL DIARIO NON SI RINUNCIA (ALLE MEDIE) - Nonostante molti di voi passino ore e ore a smanettare sul telefonino, per trascrivere i compiti ci si affida sempre al caro diario. Considerando le vostre risposte nella totalità si scopre che, ad utilizzarlo, è il 74% degli studenti. La tecnologia convince invece il 7% che, in barba al divieto di uso dei telefonini durante l’attività didattica, accendono lo smartphone e trascrivono i compiti assegnati dal professore. Quasi altrettanti sono gli svogliati che confessano di non prendere appunti riguardanti il carico di studio per casa e quelli che utilizzano un quaderno al posto della costosa agenda.

I GRANDI USANO LE APP - Gli affezionati del diario sono soprattutto i più giovani. La percentuale di portatori sani di agenda cartacea sale all’87% fra gli 11 ed i 13 anni. Sembra impensabile per i più piccoli andare a scuola senza, ma poi il gradimento cala con l’avanzare dell’età. Infatti Tra i 14 ed i 17 anni il diario tiene ancora, guadagnandosi l’80% delle preferenze, mentre il tracollo si verifica tra ragazzi più grandi. Poco più della metà dei 18enni abbandona l’agenda cartacea. A questa età l’innovazione digitale attecchisce con più facilità. Infatti, circa un diciottenne su sei utilizza le app dello smartphone per non dimenticare i compiti da svolgere.

DOVE SONO DIFFUSE LE APP - L’uso delle applicazioni dello smartphone in sostituzione del diario agenda avviene soprattutto negli istituti professionali, dove la percentuale di utilizzatori supera di poco l’11%. Un gradino più sotto troviamo gli studenti dei tecnici seguiti da quelli del liceo. Alle medie solo uno sparuto gruppo di nerd ha adottato le app come diario virtuale: circa il 2% del totale in un mare di diari tradizionali.

CRESCENDO IL DIARIO SERVE DI MENO - Alle medie il diario continua ad essere un importante strumento di comunicazione scuola-famiglia, quindi è quasi un must averlo per scrivere avvisi e farli vedere firmati dai professori. Inoltre diventa uno strumento dove raccogliere dediche dei compagni, contrassegnare ricordi e pensieri in un periodo di passaggio come quello dell’adolescenza. Quando si cresce, cominciano a venire meno entrambe le funzioni, quindi è normale che gli studenti si indirizzino verso strumenti più pratici sia in termini di portabilità che di costo. Le agende 16 mesi, con dediche e souvenir vari, possono pesare quasi quanto un vocabolario!

Commenti
Consigliato per te
I 10 stranissimi perché più chiesti a Google nel 2017
Skuola | TV
Non perdere il prossimo appuntamento!

Nella prossima puntata della Skuola Tv potrebbe esserci una sorpresa per te! Curioso di sapere di cosa si tratta? Tieniti aggiornato sul nostro sito!

21 dicembre 2017 ore 18:30

Segui la diretta