Ominide 159 punti

Organo


L’Organo appartiene alla famiglia degli aerofoni e fu creato nel 3 sec. a. C. ad Alessandria d’Egitto.
Lo strumento fu utilizzato, inizialmente, dai romani con un uso profano e successivamente nel 900 venne utilizzato in chiesa.
Esistono due tipi di organi:
-Organi portativi: vengono portati tracolla e quindi hanno un peso e una dimensione ridotta.
-Organo positivo: lo strumento è appoggiato su un ripiano, quindi è fisso.

Quest’ultimo presenta un’elettroventola ovvero che genera l’aria azionando un motore; è utilizzato dall’arrivo dell’elettricità.
Lo strumento è formato da un mantice (fatto di pelle trattata) che contiene grossi soffietti, un cuneo e una lanterna e da un somiere, ovvero dei grandi cassoni in legno: fa si che alcune note non suonino.
Le canne che lo compongono posso essere in metallo o in legno: nel primo caso vengono dette labiali, e sono quelle più comuni; nel secondo caso, ad ancia: hanno una lamina in ottone che ha lo scopo di amplificare il suono.
Non esiste un numero preciso di canne e inoltre quelle della facciata sono finte, perché devono proteggere quelle dietro dall’umidità e dalla polvere.
Nella prima metà dell’800 venne utilizzato una trasmissione meccanica ( con fili di ferro); questo, però, causò dei problemi: infatti i tasti erano molto duri; allo stesso tempo portò dei vantaggi: ovvero un’immediatezza sonora.
Nel 20 sec, invece, venne utilizzata una trasmissione elettrica (con la console staccata dalle canne): questo portò molti vantaggi, ad esempio i circuiti di combinazione dei registri iniziarono ad imitare alcuni strumenti musicali.
Con gli organi più moderni si utilizza un computer per gestire l’organo e delle vere e proprie tastiere che servivano a passare da un timbro all’altro.
La console è costituita dai registri, che si trovano sui lati, attivati attraverso una linguetta/ placchetta o pomello.
L’organo è formato anche da un pedaliere, ovvero una serie di pedali (vanno da una serie di 12/13 fino a 32) che vengono suonati con la punta e il tacco del piede.

Lo strumento può avere due tipi di timbri, quello per l’accompagnamento e quello solistico.
Hai bisogno di aiuto in Musica per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email