Ominide 1778 punti

Causa della guerra di Troia

La guerra di Troia, che coinvolse greci e troiani, fu una guerra che durò dieci anni e che causò gravi perdite da entrambi le parti. Si narra che all’epoca, 1450 a.c. Sparta e Troia stavano cercando di trovare un accordo commerciale e politico ma non riuscivano e quindi continuavano a incontrarsi in dei banchetti per cercare di trovare la pace. I troiani vennero invitati a Sparta, ormai si era raggiunta la pace, ma Paride, principe dei troiani, si era innamorato di Elena, moglie di Menelao, re di Sparta. Paride decise quindi di portarselo a Troia. Si narra che la dea della Discordia, Iris, non era stata invitata da Peleo e Teti, genitori di Achille, al loro matrimonio, si dice allora che lei per vendicarsi aveva dato una mela d’oro che doveva dare alla dea che reputava migliore. Allora lui scelse Afrodite, dea dell’amore che le diede in premio la donna più bella dell’epoca, proprio Elena.
Da lì quindi, scoppiò la guerra, perché Menelao, che nel frattempo si era schierato con Agamennone, voleva riprendere Elena andò a Troia.

Essa si concluse dopo dieci anni grazie all’astuzia di Ulisse che inserì dentro le inespugnabili mura id Troia, un cavallo ricolmo al suo interno di soldati che incendiarono la città. Sulla guerra di Troia abbiamo anche testimonianze mitologiche che ci vengono da uno dei due poemi epici attributi ad Omero: l’Iliade.

Hai bisogno di aiuto in Iliade?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email