Amor Sacro e Amor Profano, tesina

Tesina maturità liceo classico su due tipologie d'amore: quello sacro e quello profano. Argomenti tesina: Catullo, Ovidio, Alcesti di Euripide, Palmiro Togliatti e Nilde Iotti.

Compra
100% soddisfatti
o rimborsati
  • 8
  • 15-07-2014
E io lo dico a Skuola.net

Sintesi Amor Sacro e Amor Profano, tesina


L’amore, passione cardinale dell’esistenza umana, è forse il più affascinante e il più coinvolgente fra i sentimenti uman. Divenuto spesso il motore dei pensieri e delle azioni dell’uomo , nonché l’oggetto privilegiato delle sue espressioni artistiche ,ha assunto nel tempo caratteristiche diverse che rispecchiano differenti concezioni della realtà.
Si tratta dunque di una forte inclinazione affettiva, un attaccamento appassionato e un’attrazione carica di dedizione verso un'altra entità astratta o reale, ma più comunemente verso un'altra persona. E’ possibile accedere ai diversi sensi della parola amore risalendo alla sua etimologia greca, che fornisce un ricco compendio in questo senso.
Il primo tipo di amore era Agape: (ἀγάπη “amore, carità”) era una istituzione caritatevole del cristianesimo antico, fiorente soprattutto nei secoli III e IV, che consisteva in una cena, alla quale qualche membro facoltoso invitava in casa sua i poveri e specialmente le vedove della comunità, sotto la presidenza di un vescovo, e in sua vece di un prete o diacono, che ne regolava il buon andamento secondo le norme stabilite. Anteros (Αντέρως): divinità greca sentita come personificazione dell’amore corrisposto o come vendicatrice di un amore non contraccambiato. Collegato all’amore omosessuale, ebbe culto associato a quello di Eros, particolarmente nell’ambiente delle palestre.
La Philia: l’amore di affetto e piacere, di cui ci si aspetta un ritorno, quello tra amici.
L’Eros (Ερως): dio greco dell’amore (detto in latino Amor e Cupido) figlio di Afrodite e Ares (o Zeus o Ermete). Dal nome del dio viene chiamato eros l’amore sessuale, con riferimento alle concezioni che di esso ebbero gli antichi. Veniva distinto dall’Himeros che era la passione del momento, il desiderio fisico presente ed immediato che chiede di essere soddisfatto. Le ultime tre forme d’amore erano il Pothos (Πόϑος): personificazione del rimpianto e del senso di nostalgia che si prova quando una persona amata è lontana, lo Stοrge che era l’amore d’appartenenza (ad esempio tra parenti e consanguinei), e infine il Thelema ovvero il piacere di fare qualcosa, il desiderio voler fare qualcosa che ci appassiona. Il mio proposito con questo elaborato è quello di esaminare l’evoluzione di due tra le più comuni accezioni dell’amore: l’Amore Sacro e l’Amore Profano. L’amore sacro non deve essere qui inteso come amore verso Dio ma come vincolo indissolubile nell’accezione che ha il termine sacer (=sacro) che indica piuttosto ciò che è stato "consacrato" (reso sacro o santo),il sacro è il carattere di ciò che possiede un valore assoluto. Opposto all ‘amore sacro è l’amore profano “pro-fanum” che si caratterizza per la sua collocazione al di fuori del tempio ‘’fanum’’ (parte consacrata )e indica un amore libero da vincoli di qualunque natura.
La mia tesina si propone di analizzare la reciproca influenza di questi due aggettivi nella storia esaminando il pensiero letterario e filosofico. Tale tesina di maturità nasce prima di tutto dalla curiosità di approfondire il significato profondo di questi due termini scavando nella storia fino alle loro radici sociali ed individuali; in secondo luogo dall’interesse nella indagine psicologica umana.

Collegamenti

Amor Sacro e Amor Profano, tesina


Greco-Alcesti, Euripide.
Latino-Catullo, Ovidio.
Italiano-Alighieri, Paolo e Francesca; Ermengarda e Lucia, Manzoni.
Inglese -Romeo and Juliet -Oscar Wilde letter to his lover.
Filosofia -Kierkegaard amore coniugale simbolo della vita etica e il Don Giovanni Shopenhauer-amore come peccato o vergogna.
Storia -Palmiro Togliatti e Nilde Iotti Fausto Coppi e Giulia Occhini.
Registrati via email
In evidenza