S4161 di S4161
Ominide 1103 punti

Capitolo IX


Renzo, Agnese e Lucia giungono finalmente a Monza dove, dopo essersi riposati e aver pranzato, si separano. Lucia e Agnese vengono accolte dal padre guardiano dei cappuccini che le conduce al monastero per incontrare la monaca che potrebbe aiutarle. Questa donna, della quale ne emerge il ritratto, sembra particolarmente coinvolta dalla storia che le racconta Lucia e incuriosita accoglie le due donne nel suo convento. Figlia di un principe, la monaca Gertrude, fu destinata fin da bambina alla vita monastica, che le venne inculcata dalla famiglia. Una donna dal volto sfiorito intorno ai venticinque anni che alla tenera età di sei anni venne affidata alle suore che la convinsero di dover puntare al potere, anche se in lei vi furono forti contrasti per la scelta che avrebbe dovuto fare e per la vita mondana che le venne negata. Gertrude, sollecitata dalle suore, scrisse una supplica per essere accolta al convento. In seguito se ne pentì scrivendo al padre di non volerlo fare. Non ricevette risposta, solo un avvertimento dalla madre superiora riguardo alla violenta collera che aveva suscitato nel padre. Trascorse la sua infanzia e la sua adolescenza nel convento dove si distinse per i suoi modi, già al tempo, superbi. Tornò a casa per un breve periodo, restando in isolamento. Incontrò un giovinetto di nobile famiglia per il quale provò forti sentimenti. Scrisse una lettera per lui ma finì nelle mani del padre ignaro. Venne imprigionata in una stanza, costretta a scegliere la vita da monaca. Oppressa dai sensi di colpa, scrisse ancora al padre per chiedergli perdono.
Hai bisogno di aiuto in Riassunti Promessi Sposi?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email