Teutoburgo-Valerio Massimo Manfredi-recensione


1. Titolo: Teutoburgo
2. Autore: Valerio Massimo Manfredi
Riassunto: Il libro inizia con il rapimento di due principi cherusci appena adolescienti, rapiti da una legione romana che li stanò dal loro rifugio sotto delle foglie e li catturò capendone l´importanza.
Una volta imprigionati comunicarono a suo padre che sarebbero stati da orsa in poi ospiti romani per apprendere la civiltá romana. Intrapresero quindi un lungo viaggio per andare dal territorio dei cherusci a Roma accompagnati dal centurione Tauro. Una volta arrivati a Roma a Tauro venne assegnato il compito di istruirli.Per vari anni lui li istruí, un giorno mentre giravano per Roma un possente hermundur saltó fuori da una locanda per comunicargli un messaggio:’’tre teste fra due corpi. Lei centro di tutto’’.capiro no che lei era giulia la figlia dell´imperatore e che era in pericolo, comunicarono quindi il tutto a Tauro che gli consiglió di cercare di avvicinarsi all´aristocrazia romana, gli trovó un posto nei cantieri per la costruzione del lago artificiale che sarebbe poi servito alla rappreesentazione della battaglia tra marco antonio e cleopatra con augusto. Il loro ruolo era quello di fermare le rivolte tra i lavoratori. Molti nobili li notarono e videro il loro fisico statuario ed iniziarono quindi ad invitarli alle feste, poterono cosí insinuarsi all´interno dell´aristocrazia. Un giorno ruicevettero un messaggio che gli diceva di andare al porto di notte qunado arrivarono videro arrivare Giulia accolta da altri aristocratici entrare poi in una stanza, arminius andó a spiare da una finestrella sopra il tetto e poté capire che si trattava di una congiura infatti parlavano di questa congiura contro augusto avvolti attorno a una balista da lancio installata normalmente sulle navi.
Alcune settimane dopo mentre erano al cantiere arrivó l´imperatore Augusto con le sue guardie per assistere alla prima nave per la rappresentazione ormai finita, sopra la nave vi era un gigantesco tendone, Armin incuriosito si avvicino fino vedere che dietro al tendone vi era una balista da lancio con un sicario di fianco che la stava caricando in quel momento la nave partì e tolsero il tendone, appena le guardia imperiali si resero conto di quello che stava succedendo iniziarono ad urlare, pochi attimi prima che il sicario riuscisse a scagliare il colpo Armminius scagliò la lancia inchiodando il braccio del sicario alla balista che venne poi arrestato e lui per paura si gettò in acqua e scappò. L`imperatore dopo questo lo promosse a ufficiale e lo mandarono come comandande in oriente su una nave per accompagnare l ufficiale varo.
Torno alcuni anni dopo quando partì la spedizione di Tiberio per la germania per fermare le ribellioni, lui si unì come comandante. Riusci a convincere suo padre, ovvero il re dei cherusci a fermare la ribellione e a rinnovare il contratto.Così l`esercito di Tiberio riuscì a fare quello che gli altri non erano riusciti a afre in 20 anni.Venne poi eletto varo come governatore della provincia e lui venne eletto come cittadino romano, gli diedero la toga. Poco tempo dopo fu avvisato da un messaggere che suo padre era in fin di vita quindi partì. Suo padre gli rivelò poi l´oracolo e così capì che doveva oraganizzare un grande esercito per contrastare i romani inizio quindi a fare il doppio gioco organizzando l´esercito e stando vicino a Varo.
Una volta organizzato il tutto convinse varo a fare una marcia lungo il territorio dei cherusci promettendogli che non avrebbe avuto intralci ma serviva solo a scopo propagandistico, durante la marcia però Varo venne avvisato di una rivolta in un villaggio poco distante e così decise di andare a placcarla con l´aiuto di armin. Lungo il percorso per raggiungere il villaggio vi era un fitto bosco, Armin si allontanò con una scusa per andare poi a nascondersi insieme all´esercito germanico in mezzo al bosco, quando i romani furono completamente in trappola fece partire l´attacco. La battaglia durò tre giorni con la vittoria dei germanici che uccisero tutti i romani.
Subito dopo Armin cercò poi di attaccare alcuni roccaforti romani e i pimi riuscì a vincere perché li colse di sorpresa ma poi gli altri invece li trovò preparati e quindi dovette ordinare la ritirata per non rischiare una perdita inutile di uomini. L´imperatopre diventò poi Tiberio che mandò Germanico in germania che cercò di vendicare teutoburgo arrivando con un enorme flotta ma anche se vinse non riuscì a massacrare i germanici che si ritirarono, perse poi molte navi nel ritorno in patria a causa di una tempesta. Germanico venne poi mandato in oriente e nmorì in siria. Arminius stava riusciendo ad organizzare un grande impero unendo tutte le tribù quando complottarono contro di lui e le sue guardie del corpo lo tradirono, ma poco prima l´hermundur avvisò flavus del complotto, quando Flavus arrivò ad Arminus avevano già inflitto una spoadata nel fianco e lui aveva uscciso due guardie del corpo e la terza la ucciso Flavus, cercò poi di portarlo in salvo in un villaggio vicino che trovò però abbandonato e si accorse poi che Armin era già morto.
3. Personaggi:Armin e Flavus erano alti e con un fisico statuario e biondi, fin da subito flavus era più incuriosito dai romani mentre Armin di meno, con il tempo anche Armin si iniziò ad avvicinare alla civiltà romana fino a diventare addiritura cittadino e credere di essere ormai completamente romano ma poi ritornò alle origini mentre flavus invece rimase sempre romano fino a litigare con il fratelllo una volta rincontrati dopo il cambiamento di Armin
4. Spazio: la vicenda si svolse nell`impero romano prima e poi dopo nella germania, il luogo dio teutoburgo e quindi in particolare la germania acquistò uin ruolo particolare per via della battaglia.
5. Tempo: i fatti si inseriscono nell´impero romano prima sdella nascita di cristo, infatti la battaglia di Teutoburgo è avvenuta nel 9 d.c. la vicenda si svolge in circa una ventina d´anni. I fatti scorrono leggermente piú veloci rispetto alla lettura e ci sono alcuni flashback e due prolessi.
6. Stile: l´autore ha addottato un linguafggio popolare e ci sono alcuni elementi di lingue straniere.
7. Tecniche di presentazione delle parole e dei pensieri dei personaggi. Ci sono alcuni monologhi interiori e flussi di coscienza.
8. Narratore. Il narratore è onnisciente e non è interno e certe volte assume il punto di vista di un personaggio.
9. Tematiche. Il testo fa riflettere sulla guerra e quindi sulla perdita di uomini e sulla libertà di un popolo che non vuole essere soppresso da un altro, viene preso il pensiero di vari personaggi come per esempio Armin e Flavus.
10. Commento: questo libro mi è piaciuto molto prima di tutto perché a me piacciono molto i libri storici ed inoltre perché parla di questi due ragazzi, in cui più volte il destino cambia improvvisamente la loro vita, infatti la prima volta e quando da principi si ritrovano a ostaggi presso un altro popolo e vedono l´impero e tutte le sue strutture cose che prima d´alllora non avevano mai visto. La seconda volta è per Armin quando salva l´imperatore e diventa ufficiale e viene mandato in oriente mentre Flavus rimane nell´esercito e fa carriere lì.La terza volta è quando Armin
Hai bisogno di aiuto in Recensioni libri?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
I Licei Scientifici migliori d'Italia secondo Eduscopio 2017