Ominide 51 punti

Il sentiero dei nidi di ragno - Italo Calvino


Nel romanzo di Italo Calvino, " il sentiero dei nidi di ragno", viene raccontata l'esasperante storia di un giovane ragazzo, quasi un bambino, di nome Pin.
Pin aveva solo dieci anni quando a causa della II Guerra Mondiale vede mutare totalmente la sua vita di tutti i giorni.
Era un ragazzo che non aveva molta confidenza con gli altri bambini, ma in compenso adorava chiacchierare e sentire i discorsi delle persone adulte.
Ormai era quasi diventato uno di loro; pensava e agiva come loro e talvolta erano proprio " i grandi" ad essere sbalorditi quando lui parlava.
Frequentava spesso una taverna, dove si riunivano tutti i suoi amici più' adulti. Li' bevevano e cantavano insieme, raccontando costantemente delle cose più brutte che fanno gli uomini, descrivendole con un'infinita' di parolacce.
Pin era cresciuto senza madre e padre ed era stato affidato alla sorella maggiore, soprannominata la Nera di Carrugio Lungo.

Per guadagnarsi da vivere si vendeva ai militari tedeschi in cerca di una notte brava con una donna.
A causa di questa attività Pin cresceva anche senza la presenza di una sorella ed era costretto ad vivere da solo, girovagando a suo piacimento, quando voleva.
Scoppiata ufficialmente la guerra, dopo esser stato incarcerato perché colpevole di un furto ad un ufficiale tedesco, evade .
Da quel momento conoscera' la realtà' della lotta clandestina e dura dei partigiani e si unirà a loro, senza neanche sapere i motivi di tale scontro.
Entra a far parte del battaglione di un uomo misterioso, chiamato il Dritto. I componenti di tale squadra erano uno più bizzarro dell'altro, ma tutti con delle storie da raccontare, sulla proprio vita e del perché si erano schierati contro i tedeschi.
Qui vivrà' molte avventure, imparerà i trucchi e le sensazioni di un soldato rischiando giorno dopo giorno la propria vita.
Alla fine di un grande battaglia e dello scioglimento della sua squadriglia, Pin si ritroverà' nuovamente a rigirare da solo per le strade, senza avere un posto dove andare o qualcuno con cui parlare.
Fortunatamente incontrerà' poi per caso suo cugino, con il quale inizierà' una nuova vita.

Il romanzo di Italo Calvino e’ veramente molto bello e particolare perche’ racconta interamente la storia attraverso gli occhi innocenti di un bambino.
Pin, il bambino protagonista, anche se non capisce cosa sta realmente accadendo, cerca di andare avanti e combattere per qualcosa in cui gli altri credono.
Fa capire le sue sensazioni e le esprime descrivendole con grande maestria.

Calvino ci trasmette anche immagini della guerra che non sempre vengono riferite, descrive scrupolosamente le persone, i loro pensieri e i loro aspetti fisici.

Hai bisogno di aiuto in Recensioni libri?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email