Video appunto: La prima Indagine - Theodore Boone

Theodore Boone, La prima Indagine



Ha appena 13 anni ma frequenta già le aule del palazzo della giustizia di Strattenburg. Theodore Boone è quel che si direbbe un figlio d’arte: il padre è un avvocato immobiliarista e la madre invece è specializzata in separazioni e divorzi. E lo zio Ike ex avvocato, è un ottimo consigliere per il nipote.
Theo non ha né fratelli né sorelle, ma ha un’amica, April Finnemore e un cane di nome Giudice. Ha scelto Theo questo strano nome, un chiaro segno della sua passione per la giurisprudenza. Infatti ama trascorrere i pomeriggi nello studio legale Boone&Boone, è lì che ha maturato il suo sogno di diventare un avvocato.
Dà già consulenze legali ai suoi compagni di scuola o alla segretaria del Preside.
Al tribunale il suo nome è familiare anche Henry Gantry, il giudice del processo più seguito da tutta la comunità cittadina: l’assassino di una donna.

Un uomo, Peter Duffy, è accusato dell’omicidio della moglie, strangolata nella propria abitazione, una lussuosa villa immersa nel verde e nei boschi di Wavery Creek, un magnifico campo da golf.
Tutti sospettano che Duffy sia colpevole, ma l’accusa fatica a mettere insieme le prove giuste per inchiodare l’omicida. La tensione cresce intorno al processo e quanto all’avvocato dell’accusa non ha più carte da giocare, Theo si ritrova a fare i conti con uno “scomodo” testimone: qualcuno che sa come sono andate le cose, che ha visto l’omicida nel luogo del delitto, ma che non può parlare.