Tutor 35609 punti

Le Idi di marzo di Valerio Massimo Manfredi

“Le idi di marzo” di Valerio Massimo Manfredi


Ne “le idi di marzo” Valerio Massimo Manfredi scrive la storia romanzata dell’assassinio di Giulio Cesare avvenuto nel 44 a.C. Pur con un taglio da romanzo, il libro mantiene la realtà storica, i fatti narrati sono realmente accaduti e l’autore fa riferimenti a fatti poco conosciuti eppure documentati della vicenda del tradimento dei congiurati ai danni del dittatore di Roma. Il romanzo è ambientato a Roma agli inizi di marzo del 44 a.C. quando Cesare è un uomo di cinquantasei anni c he con il suo potere ha assoggettato il mondo alla legge romana. La congiura ordita per il suo assassinio ha come protagonisti personaggi insospettabili come Bruto e Cassio, che la portano avanti giorno dopo giorno. Nel frattempo Publio Sestio Baculo, il più fedele legionario di Cesare, compagno di mille battaglie, si lancia lungo le strade che portano a Roma in una corsa contro il tempo per tentare di salvargli la vita. Purtroppo sia gli sforzi di Baculo, sia i presagi della moglie Calpurnia sono vani.
Il destino di Cesare si compie dunque alle idi di marzo segnando l’inizio di una nuova era di guerre civili devastanti. Il romanzo è raccontato sotto i punti di vista di Cesare, dei suoi più fidati luogotenenti e dei congiurati. E’ narrato in terza persona con una focalizzazione interna. I personaggi sono quasi tutti realmente esistiti, pochi sono quelli frutto dell'immaginazione dell’autore, come ad esempio Sillo, e altri ancora sono ispirati a personaggi veri.

A cura di Federica

Hai bisogno di aiuto in Recensioni libri?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove