Ominide 600 punti

Il giovane Holden

Autore

: Jerome D. Salinger

Anno di pubblicazione

: 1951

Trama breve:

(segue riassunto completo) Holden è un ragazzo di circa 17 anni; ha molti amici ma non è particolarmente legato con nessuno di loro eccetto che con le due amiche d’infanzia Sally e Jane.
In questo libro il protagonista racconta di un particolare periodo della sua vita adolescenziale, precisamente dopo essersi fatto espellere dalla sua terza scuola consecutiva, quando decide di tornare a New York ma senza incontrare per alcuni giorni i suoi genitori. Durante questi giorni il ragazzo si sente molto solo e ragiona molte volte sulla sua vita passata facendo talvolta programmi per il futuro, inoltre riesce a districarsi abbastanza facilmente da alcune spiacevoli situazioni e riesce successivamente a convincersi di tornare a casa dai suoi genitori e affrontare i loro rimproveri su quest’ultima espulsione, soprattutto grazie ai consigli inaspettati della sorellina.

TEMI: la vita adolescenziale, la solitudine, la convinzione di essere a tutti i costi contro la società contemporanea, il disorientamento nel passaggio dall’essere bambino al diventare adulto.


Protagonista:

Holden Caulfield (16-17 anni)

Personaggi:


Famiglia:D.B. (fratello del protagonista),Allie (fratello di Holden, morto a 13 anni, aveva 2 anni in meno di Holden, capelli rossi, molto intelligente, giocava a baseball),Phoebe (sorrella piccola di Holden, 10 anni)
Personaggi di Pencey:Robert Ackley (vicino di stanza di Holden),Ward Stradlater (compagno di stanza di Holden, nella squadra di pallacanestro, molto conosciuto)
Jane Gallagher (amica d’infanzia di Holden, studentessa),Prof. Spenser (prof. di storia),Singnora Spenser (moglie del professore),Thurmer (preside),Selma Thurmer (figlia del preside dell’istituto Pencey),Ossenburger (ex alunno della scuola a cui è stata dedicata l’ala dei dormitori di Holden),Edgar Marsalla (studente),Robert Tichener (amico di Holden),Paul Campbell (amico di Holden),Hartzell (prof. Di inglese di Holden),Howie Coyle (studente, molto bravo a pallacanestro),Fitzgerald (studentessa),Mal Brossard (studente, amico di Holden, nella squadra di lotta),Ed Banky (allenatore di pallacanestro),Ernest Morrow (studente in classe con Holden, di cui Holden incontra la madre in treno),
Harry Fencer (studente in classe con Holden),Rudolph Schmidt (bidello),Signora Schmidt (moglie del bidello),Frederick Woodruff (studente) ,Prof. Vinson (prof. di inglese di Holden)
Whooton:Carl Luce (conoscente di Holden, molto intelligente, che Holden decide di incontrare una sera a New York per avere dei consigli e che in questa sera consiglia a Holden di crescere),Louis Gorman (primo amico di Holden nella scuola),Arthur childs (amico cattolico di Holden),Raymond Goldfarb (amico di,Holden con cui una sera decise di ubriacarsi).Elton Hills:Prof. Antolini (insegnante di Holden a cui è molto legato che successivamente lo ospita a casa sua per dormire)
Lillian Antolini (moglie del prof. Molto più anziana di lui)

Harris Macklin (compagno di stanza di Holden, a suo parere noioso anche se molto intelligente),Dick Slagle (compagno di stanza di Holden a Elkton Hills),
James Castle (studente picchiato da dei compagni per aver parlato male di uno di essi, si buttò da una finestra per scappare e morì sui gradini sottostanti)
Phil Stabile (studente di cui James aveva parlato male e di conseguenza uno di quelli che lo ha picchiato).NEW YORK (da solo):Lillian Simmons (una ex ragazza di D.B. Che Holden incontra in un bar),Ernie (proprietario di un bar che porta il suo nome, molto bravo a suonare il piano),Horwitz (tassista),Marty, Laverne e Bernice (ragazze sulla trentina che Holden invita a ballare in un bar),Faith,Cavendish (amica di un conoscente di Holden),Eddie Birdsell (conoscente di Holden che anni prima gli aveva dato il numero di Faith),Sunny (prostituta che Holden chiama in camera sua solo per parlare e non sentirsi troppo solo),Maurice (addetto all’ascensore, che propone a Holden di passare la notte con Sunny e poi lo minaccia per avere altri soldi),Due suore (due insegnanti che Holden incontra in un bar mentre sta facendo colazione, a cui decide di fare un’offerta e con le quali parla della scuola).
Famiglia Hayes:Sally Hayes (amica di New York di Holden),Signora Hayes (madre di Sally),Cudahy (secondo marito della moglie di Jane, continuamente ubriaco e con le sigarette in mano).


Narratore:

Interno (io narrante)

Focalizzazione:

interna

Spazio:

Stati Uniti (il protginista vive a New York)

Tempo:

Contemporaneo all’autore (anni ’50 circa)

Giudizio personale:


Il racconto è interessante e a momenti spiritoso, piacevole da leggere e in alcuni passi riflessivo. Il fatto che venga raccontato in prima persona e in maniera così colloquiale, in certi momenti quasi come un monologo di coscienza, permette al lettore di sapere i minimi particolari e i pensieri e i pareri del protagonista, per così capire al meglio la storia e i sentimenti stessi di Holden nelle diverse situazioni di queso periodo particolare.

Riassunto:

Holden è un ragazzo piuttosto educato, anche se talvolta bugiardo, è un fumatore e inoltre non si crea problemi nel fingersi più grande per convincere i baristi a dargli alcuni drink alcolici, è furbo, intelligente ma non molto studioso, infatti, descrivendosi dice esplicitamente di odiare la scuola, come dimostra il fatto che si sia fatto espellere da diversi college; ha molti amici ma non è particolarmente legato con nessuno di loro eccetto che con le due amiche d’infanzia Sally e Jane.
Dopo essersi fatto espellere dalla terza scuola consecutiva, poco prima dell’inizio delle vacanze di Natale, Holden decide di tornare a New York ma senza incontrare per alcuni giorni i suoi genitori, vivendo quindi da solo in un hotel di scarsa pulizia. Dopo alcuni giorni Holden informa l’amica Sally del suo ritorno e passa il pomeriggio insieme a lei. Successivamente, la notte, Holden decide di andare a casa, comunque senza farsi scoprire dai genitori, per salutare la sorellina Phoebe a cui è molto legato; quando arriva a casa i suoi genitori sono fuori, quindi lui e la sorellina parlano e scherzano tranquillamente e la sorellina prende in giro Holden per essersi fatto buttar fuori da un’altra scuola, Holden poi decide di telefonare al professor Antolini per chiedergli se può dormire a casa sua e lui lo ospita volentieri, quindi Holden esce di casa senza farsi sentire dai genitori che nel frattempo erano tornati a casa e si dirige a casa del professore. Durante la notte passata dal professore, Holden, con uno spiacevole avvenimento, si accorge che il professore, pur essendo sposato e molto colto, è pedofilo e probabilmente omosessuale, di conseguenza Holden decide, con alcune scuse, di scappare da quella casa ed andare a riprendere le sue valige lasciate alla stazione e continuare a dormire un po’ lì.

Quando Holden decide di uscire dalla stazione per andare a fare una passeggiata, inizia a fantasticare su cosa potrebbe fare invece di tornare a casa e pensa di poter arrivare, autostop dopo autostop, nella costa ovest, dove poi avrebbe potuto cosruirsi una casa e così vivere, di conseguenza decide, tramite un biglietto, di rivelare a Phoebe questa sua idea, dicendole anche di volerla incontrare dopo scuola per salutarla; quando i due fratelli s’incontrano, Phoebe arriva con una valigia piena dei suoi vestiti, dicendo di voler a tutti i costi partire con il fratello, ma dopo che quest’ultimo non glielo permette, lei si arrabbia con Holden che è quindi costretto a portarla allo zoo per farla calmare. Durante la passeggiata allo zoo la sorellina si calma e Holden decide di accantonare l’idea del viaggio e di tornare a casa.
A questo punto il protagonista racconta molto più sinteticamente, che i suoi genitroi sono stati molto più comprensivi del previso, che ad autunno andrà in un’altra scuola e dice esplicitamente che, in verità, tutte le persone incontrate durante questo lungo periodo, anche se in precedenza le ha molto disprezzate, ora gli mancano.

Hai bisogno di aiuto in Recensioni libri?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email