Ominide 2537 punti

Seneca: i Trattati

Dal punto di vista del contenuto i trattati sono più compatti dei dialoghi; dal punto di vista formale non c’è alcuna differenza.

- De Clementia, primo trattato: è dedicato a Nerone. Seneca assume il ruolo di colui che vuole dare consigli all’imperatore in modo tale che lui governi in maniera buona, secondo principi illuminati; con la moderazione e la clemenza si sarebbe potuto portare avanti un buon governo. La clemenza coincide con la moderazione e l’indulgenza che il buon monarca deve usare nei confronti dei suoi sudditi. Il monarca clemente è colui che impone delle norme ma, quando si accorge che queste non vengono rispettate, punisce a malincuore ma con equilibrio e solo quando è indispensabile.

- De Beneficiis, secondo trattato: ha un destinatario di nome Ebuzio Liberale; l’argomento del trattato è relativo al corretto modo di fare e ricevere i benefici. Questi sono importanti per animare l’uomo di buon senso.

- Naturales Questiones, terzo trattato: dedicato a Lucilio, Seneca qui non è solo filosofo ma vuole trattare la fisica, l’impianto più affine alla filosofia epicurea. Il principio è riconducibile allo stesso Lucrezio, far conoscere agli uomini quali sono i fondamenti della natura per imparare a controllarli e non arrivare a temerli. Con questo vuole che l’uomo si liberi dalle paure ancestrali, un connubio tra filosofia stoica ed epicurea. Non eccede mai in tecnicismi e virtuosismi.

Hai bisogno di aiuto in L'età imperiale?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email