Video appunto: Seneca, Lucio Anneo - Trattati (2)

I trattati



La produzione letteraria di Seneca comprende anche altri tre trattati, più lunghi rispetto ai Dialoghi.
Mentre nei Dialoghi, Seneca si rivolge ad un interlocutore immaginario che rappresenta l’antitesi, nei trattati c’è il pensiero diretto dell’autore, che si rivolge ai lettori.


De clementia



L’opera è costituita da tre libri ed è dedicata a Nerone diciottenne. Seneca elogia la clemenza di cui ha dato prova Nerone e auspica che la sua intelligenza lo conduca verso la collaborazione con il Senato, rifiutando gli abusi della tirannia.
La clemenza è comprensione, moderazione nel punire e disponibilità al perdono.

L’imperatore clemente dimostra di essere sapiente, poiché capace di comprensione e pertanto la clemenza è indice di superiorità e grandezza. L’imperatore deve essere autorevole, non autoritario: comprensivo, ma dimostrare fermezza di fronte a certe situazioni. Un buon governatore deve aver chiaro i propri obiettivi: deve sapere perdonare, dominando le proprie passioni, senza farsi accecare dall’ira; ma deve anche sapere quando è necessario punire, e soprattutto essere in grado di dare una punizione adatta, che faccia comprendere lo sbaglio.

De beneficiis



In questo trattato, Seneca prospetta una società utopica caratterizzata dallo scambio reciproco di benefici, in maniera disinteressata.