Ominide 4552 punti

Aulo Persio Flacco (34 d.C. - 62 d.C.)

La biografia di Persio (dal Vita Persi)


Da una Vita Persi, attribuita a diversi autori, apprendiamo che Persio nacque in Etruria, a Volterra, il quattro dicembre del trentaquattro d.C. e che morì, appena ventottenne, vicino a Roma. Pare che egli fosse imparentato con importanti membri del Senato. L’ambiente familiare severo e introverso e l’educazione rigida che ricevette a opera dell’intellettuale stoico Anneo Cornuto, influenzarono notevolmente Persio, sia nell’indole, caratterizzata da una naturale introversione e dalla tendenza a non lasciarsi andare ai vizi, da lui considerati «la peggior sventura per l’uomo», sia, di conseguenza, nella produzione poetica, che proclama valori puri, quasi stoici, che l’autore invita a tenere sempre in considerazione e a seguire in modo esemplare.

La produzione poetica di Persio
La Vita Persi ci informa che Persio scrisse una praetexta, il cui titolo, Vescio, pare si riferisca a qualche eroe etrusco che veniva esaltato nella tragedia, oppure alla città etrusca di Vescia. Egli scrisse anche un hodoeporicon liber, cioè un libro contenente una narrazione di viaggi. Di queste opere a noi non è giunto nulla: ci rimangono, invece, sei Saturae, raccolte in un unico libro, che costituisce l’opera più celebre e nota dell’autore latino.

Hai bisogno di aiuto in L'età imperiale?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email